BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Ricette di Pasqua, cosa fare a pranzo Pasqua. Primi piatti, secondi, anticipasti ricette originali, veloci, tradizionali,elaborate

Ricette e idee per preparare i pranzo della domenica pasquale: cosa scegliere, come cucinare primi e secondi e ingredienti necessari




Il pranzo della domenica di Pasqua è alle porte e chi ancora non avesse deciso cosa portare in tavola può consultare diversi siti web che propongono ricette delle più disparate, tra quelle più classiche e quelle più originali. La Pasqua, però, come del resto il Natale, ha i suoi piatti tipici e tradizionali che difficilmente possono essere sostituiti da ricette innovative, soprattutto nelle case delle famiglie del Sud. Certamente ciò che si sa è che il pranzo pasquale è a base di carne, tra capretti, agnello, abbacchio, ma anche uova, salumi e formaggi: sono loro che la fanno da padrone sulle tavole pasquali. Chi volesse spunti e idee può consultare siti come http://www.giallozafferano.it/ricette-cat/Feste-e-ricorrenze/Pasqua/, http://www.buttalapasta.it/s/ricette-di-pasqua/, http://www.ricettedellanonna.net/i-10-migliori-dolci-di-pasqua/.

Tante le idee sfiziose e veloci per il menu pasquale in cui portare a tavola antipasti tradizionali ma anche originali, con ingredienti immancabili come le uova. Consultando, per esempio, http://www.salepepe.it/menu/top-ten-ricette/pasqua-migliori-ricette-speciale/, per antipasti si trovano ricette come ciotole di tortillas con uova alle erbe cipollina, taglieri di salumi e formaggi, sfogliette croccanti con asparagi e uova, caramelle pasquali ai cuori di carciofo, tramezzini mimosa con salsa di formaggi. Passando ai primi, si possono trovare ricette per realizzare lasagne al ragù di agnello, lasagne con asparagi, culatello e salsa mornay, tagliatelle pesto, stracciatella e scampi.

Tra i secondi, privilegiati agnello e capretto, e sono diverse le ricette disponibili per poterlo cucinare: dal cosciotto di agnello con salsa all'aglio, alle costolette di agnello glassate con miele e erbe, agnello al forno con peperoni, o semplicemente al forno con patate al rosmarino. In alternativa si possono preparare anche pranzi vegetariani, scegliendo come antipasti torta pasqualina, o uova soda ripiene di formaggio cremoso, come primi lasagne alle erbe o pasta con ragù vegetariano al seitan, come secondo spezzatino di seitan o polpettone vegetariano da fare con patate, carote, cipolla, sedano, zucchine e ricotta.

Tipica ricetta pasquale è il casatiello napoletano. Ma come si prepara il casatiello? La ricetta tipica del casatiello è quella napoletana, fatto con salame, pecorino e uova fissate con delle croci di pasta, ottimo da mangiare sia caldo che freddo. Gli ingredienti che servono per la preparazione sono 600 di farina 00, 300 ml di acqua, 12 gr di lievito di birra, 150 gr di strutto 400 gr tra salame,prosciutto cotto e pancetta, 400 gr tra provolino, provolone e fontina, 70 gr di pecorino, 4 uova, sale e pepe. Disporre la farina a fontana su una spianatoia.

Per la preparazione si inizia a sciogliere il lievito in acqua tiepida, da aggiunge lentamente alla farina. Iniziare poi ad impastare per far assorbire man mano l’acqua alla farina, aggiungere man mano la sugna facendola assorbire all’impasto, poco sale e una bella manciata di pepe. Lavorare a lungo l’impasto in modo molto energico, aggiungendo man mano la sugna e il pecorino, formare quindi una palla con l’impasto, disporlo su una spianatoia e far lievitare l’impasto per 1 ora circa. Trascorso questo tempo, bisogna stendere l’impasto su una spianatoia infarinata con uno spessore di 1 cm circa, disporre su tutta la superficie della pasta il ripieno (gli affettati e i formaggi vanno tagliati a dadini), spolverizzare con il pecorino, arrotolare con delicatezza, ungere lo stampo da casatiello con abbondante strutto, disporvi il rotolo di pasta a ciambella. L’impasto deve lievitare per tutta la notte, fare dei buchi ad intervalli regolari e disporvi dentro le uova lavate e asciugate. Fermare le uova con delle striscioline incrociate fatte con la pasta tenuta da parte, ungere il casatiello con lo strutto su tutta la sua superfici, e infornare il casatiello napoletano in forno preriscaldato a 160°C per un’oretta. Quando è pronto, si può tagliare e servire a fettine.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il