BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Frasi, biglietti Auguri di Pasqua video, sms, foto, ricette Pranzo Pasqua, Musei aperti Pasqua e Pasquetta Roma, Milano, Napoli

Frasi, idee e consigli per augurare buona Pasqua a tutti e ricette da preparare per il pranzo di domenica e lunedì: cosa fare per antipasto, primi e secondi




In tutte le regioni di Italia da Nord a Sud ci si prepara al pranzo pasquale di domenica prossima 27 marzo e per i piatti da portare in tavola sono tantissime le scelte, dalle più tradizionali alle più originali, i principali piatti saranno certamente a base di agnello o capretto e non potranno mancare certamente pastiera napoletana, scarcella pugliese o il classico tiramisù. In generale, comunque, il menù comprenderà antipasto, primo e secondo piatto con contorno, frutta, dolci e caffè. Consultando siti http://www.ricetta.it/menu-di-pasqua-idee-e-consigli-per-il-pranzo-pasquale, http://www.buttalapasta.it/s/ricette-di-pasqua/, http://www.giallozafferano.it/ricette-cat/Feste-e-ricorrenze/Pasqua/ e http://www.salepepe.it/menu/top-ten-ricette/pasqua-migliori-ricette-speciale/ si possono trovare buone idee per antipasti, primi e secondi.

Come antipasto si potrebbero proporre affettati, salumi e formaggi tipici, uova sode, magari tagliate a fettine e posizionate su fette di arancia e salame; come primi piatti si possono preparare le tagliatelle con il sugo del cosciotto di agnello e condite con pecorino romano, ma anche tagliatelle con pesto, stracciatella e salsiccia, o risotto ai fungi con parmigiano, o classico. Si potrebbe preparare anche la lasagna con besciamella, provola, radicchio e pezzetti di salsiccia. Passando ai secondi, si possono preparare l’agnello, come anche il capretto, al forno con patate e piselli, o polpettone ripieno di spinaci e formaggio o una bella parmigiana di melanzane.

Tra le pietanze tipiche pasqualina, gli ingredienti sono: 650 g di farina, 450 g di ricotta, 500 g di bietole, 500 g di spinaci, 100 g di parmigiano grattugiato, 50 g di pecorino grattugiato, 8 uova, 160 g di olio extravergine d'oliva, acqua tiepida quanto basta, 1 rametto di maggiorana, sale e pepe. Per la preparazione, bisogna mettere la farina sulla spianatoia, aggiungendo al centro il sale e solo due cucchiai d'olio, unire questi due ingredienti e versare un po’ d'acqua tiepida, impastando bene il tutto. L'impasto va lavorato per almeno dieci minuti, fino a quando il panetto non diventerà consistente e una volta pronto dovrà essere diviso in pagnottelle che devono essere cosparse con poca farina e coperte con un panno leggermente umido, e lasciate riposare per un paio d'ore.

Per il ripieno, dopo aver lavato le bietole e gli spinaci, devono essere messi a cuocere a fuoco lento in una padella antiaderente, salare e pepare leggermente. Appena le verdure sono pronte, devono essere strizzate, tritate finemente e sistemate in un contenitore insieme alla ricotta, due uova, pecorino, metà del parmigiano, la maggiorana tritata, sale e pepe. E si mescola bene il tutto. Poi le pagnottelle precedentemente fatte devono essere stese fino a formare quattordici sfoglie sottili e circolari.

Ungere una tortiera apribile di circa 30 cm di diametro, sistemarvi la prima sfoglia, ungendo anche questa, e continuare con lo stesso sistema fino a inserire sette sfoglie, bisogna versare il composto di ricotta appena preparato, livellando bene la superficie, e poi praticare sei incavi aiutandosi con un cucchiaio e dentro ognuno mettere un uovo sgusciato, sale e pepe. Spolverare su tutta la superficie il rimanente parmigiano grattugiato e ricoprire con le altre sfoglie, seguendo lo schema delle precedenti, e cuocere in forno preriscaldato, a 200 gradi, per circa 40 minuti.

Per trascorrere, invece, una giornata all’insegna dell’arte, è bene sapere che a Roma, Milano e Napoli saranno aperti tutti i musei civici, alcuni anche gratuiti, e alcuni aperti anche in orari serali. A Roma, il museo di scultura antica Giovanni Barracco, insieme a museo delle Mura, museo Pietro Canonica, museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina, museo Carlo Bilotti, museo Napoleonico, museo di Casal De’ Pazzi e Villa di Massenzio saranno gratuiti. Inoltre, ai Musei Capitolini lè allestita la mostra ‘Campidoglio. Mito, memoria, archeologia’, mentre alla Galleria d’Arte Moderna si potranno ammirare le ‘Opere della Galleria d’Arte Moderna alle Quadriennali’.

A Milano, nel giorno di Pasquetta, si potranno visitare la Pinacoteca di Brera (9-13) e il Cenacolo Vinciano (8-13:45); Segnaliamo, inoltre, la mostra su Umberto Boccioni a Palazzo Reale, che si potrà visitare dalle 9:30 alle 19:30 domenica 27 marzo; e quella su Joan Mirò al Mudec, che si potrà visitare dalle 9:30 alle 19:30, pagando un biglietto di ingresso di 12 euro. Sia la domenica di Pasqua che il lunedì di Pasquetta chi invece sarà a Napoli potrà visitare Palazzo Reale, il Museo di S. Martino, il Museo Archeologico, Villa Floridiana e la Certosa di S. Lorenzo. Si potranno visitare anche le aree archeologiche di Pompei, aperte fino alle 19, ma anche le meraviglie di Paestum e la Reggia di Caserta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il