BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni continuano su differenti livelli trattative per novità riforma: ultime oggi martedì

La questione Italcementi al centro dell'incontro tra il ministro dello Sviluppo economico e l'amministratore delegato del gruppo Heidelberg, Bernd Scheifele.




Pensioni ultime notizie e novità pensioni oggi lunedì (ore 18:42): Il primo risultato che pare essere abbastanza concreto e non è importante solo per le novità per le pensioni, ma che permette di agire in pratica su tutti gli altri temi, è l'accordo che dalle ultime notizie e ultimissime sembra esserci tra Padoan e Moscovici per poter avere un extra deficit maggiore. Ora è da capire su quali norme sarà applicato e sarà tutta una scelta politica.

Pensioni ultime notizie e novità pensioni oggi lunedì (ore 14,27): Obiettivamente più che i fondi disponibili vi deve essere la possibilità di poter agire sulle novità per le pensioni liberamente, consci un cambiamento totale e radicale al momento non è possibile, ma, invece, numerosi e importanti aggiustamenti lo sono e le coperture sono importanti, ma non sono la questione fondamentale che è più economica, se non addirittura psicologicia come fanno chiaramente intenedere le ultime notizie e ultimissime.. E a questo lasciapassare si sta lavorando su più livelli e per la prima volta sembrano ottenersi dei primi riscontri positivi.

Anche le ultime notizie di oggi domenica 27 marzo 2016 confermano come per intervenire sulle novità pensioni siano necessarie coperture economiche.

Novità pensioni. In fin dei conti è sempre una questione di soldi. Se le novità pensioni non decollano, la ragione va ricercata in prima battuta nell'assenza di solide coperture economiche che spingono Palazzo Chigi a mettere in secondo piano la questione previdenziale e a fare altre scelte politiche. E dinanzi a una economica in lenta ripresa è difficile intervenire con decisione sulle novità pensioni. Da qui la decisione di bussare alle porte di Bruxelles in cerca di maggiore flessibilità nel rispetto dei rigidi parametri europei. E in base all'ottimismo dimostrato dal commissario per gli Affari economici, Pierre Moscovici, e fatto filtrare dal Ministero dell'Economia, la strada è quella giusta.

In ogni caso, la scelta è sempre politica per cui occorrerà scoprire se le maggiori risorse che ne deriveranno saranno impiegate sulle pensioni. Per il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini occorre guardare al sistema del welfare nel suo complesso, lavoro inclusi. Secondo il presidente dell'Istituto nazionale della previdenza sociale siamo già in ritardo e occorre intervenire subito sulle novità pensioni. Stando poi al ministro dell'Economia, peraltro mai favorevole a intervenire sulle pensioni, è inutile attendere novità sul fronte della revisione della spesa pubblica. Quel che è stato possibile fare è stato portato a casa. Al massimo è possibile migliorare la capacità di spesa.

Riforma volontari novità. Dal voto sul disegno di legge delega al governo per la riforma e la riorganizzazione del terzo settore e dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale, emerge la proposta di fissare una soglia ai rimborsi spese per i volontari, così da mantenerne il carattere di gratuità e di estraneità al lavoro. "Chieste forme di autocontrollo degli enti del terzo settore, sulla base di apposito accreditamento delle reti associative di secondo livello, anziché sulla base di convenzioni".

Italcementi novità. Tutto pronto per il faccia a faccia tra il ministro dello Sviluppo economico e l'amministratore delegato del gruppo Heidelberg, Bernd Scheifele. Nei prossimi giorni è previsto l'incontro per confrontarsi in seguito all'acquisizione di Italcementi da parte del gruppo tedesco che, informa il Ministero, aveva chiesto tempo per poter completare le procedure antitrust a livello europeo prima di un nuovo incontro.

Riforma imposta soggiorno novità. La risoluzione del Ministero dell'Economia sulla sospensione dell'efficacia dell'aumento dei tributi e delle addizionali ovvero sull'istituzione di un nuovo tributo o riduzione di agevolazioni esistenti e imposta di sbarco e contributo di sbarco, è destinata a far discutere. In buona sostanza, le amministrazioni comunali non possono istituire l'imposta di soggiorno a decorrere dal primo gennaio di quest'anno e né disporre aumenti dei tributi rispetto a quelli in vigore fino allo scorso anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il