Integrazione telefono fisso e cellulari: la convergenza arriva in Italia. Si potrà usare un telefono

Si avvicina l'approvazione al servizio integrato fisso-mobile



Si avvicina l'approvazione al servizio integrato fisso-mobile. L'istruttoria, che dal 23 luglio giace sul tavolo dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, sarà conclusa probabilmente già il 2 agosto prossimo. Si preannuncia il via libera, pur se accompagnato da alcune condizioni. I pareri forniti da Antitrust e Commisione Ue appaiono infatti tali da consentire al Garante delle Tlc di accogliere le due offerte "Unico" di Telecom Italia, e "Vodafone Casa Numero Fisso".

Grazie al nuovo servizio gli utenti potranno usano un solo telefono che, anche nelle tariffe, in casa funziona come un apparecchio di rete fissa ed all'esterno come un cellulare. L'Antitrust si riserva la facoltà di monitorare il mercato, ma per il momento ha accolto favorevolmente il servizio integrato per l'opportunità offerta ai consumatori dai nuovi piani tariffari. Qualche problema potrebbe invece derivare dall'Ue. "I servizi della Commissione Ue - si legge nella lettera arrivata da Bruxelles - ricordano che ogni rimedio previsto per Vodafone e Telecom Italia deve essere imposto sugli operatori solo se è riscontrata una posizione dominante sul mercato".

A proposito dell'offerta Unico di Telecom, l'Antitrust condivide l'esigenza di prevedere "condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie finalizzate a permettere ad un operatore alternativo di offrire ai propri clienti un analogo servizio integrato attraverso al rete mobile e la rete fissa a banda larga. A tal fine Telecom dovrà concludere le negoziazioni con operatori di rete mobile o fissa entro 60 giorni dalla richiesta". Per ciò che riguarda "Vodafone Casa Numero Fisso", l'Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato ritiene che l' offerta "rappresenti una strategia di ingresso nel settore della telefonia fissa da cui si attendono benefici sia di carattere pratico (un solo apparecchio, migliore reperibilità) che economico (tariffe più convenienti risparmio del canone di telefonia fissa". Unico neo rilevato "l'assenza in capo a Vodafone di obblighi a concludere le negoziazioni a vantaggio di operatori che volessero replicare l'offerta potrebbe rappresentare un ostacolo all'ingresso di nuovi operatori intenzionati a offrire un servizio avente le medesime caratteristiche".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il