BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2016 precompilato, Unico 2016 precompilato, Cud Certificazione Unica: detrazioni spese, istruzioni, regole. Novità settimana

Le ultime novità sulle spese che si possono portare in detrazione con nuovi modelli 730 e Unico 2016 precompilato




Insieme al modello 730 precompilato quest’anno debutta anche il modello Unico 2016 precompilato e chiarite le modalità di compilazione che, per il 730 saranno le stesse dell’anno scorso e simili per l’Unico, e le date in cui saranno disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate, 15 aprile il 730 e 7 luglio l’Unico, le ultime novità della settimana riguardano i chiarimenti sulle spese che si possono portare in detrazioni, quali sono, cosa interessano e come fare per usufruirne. Innanzitutto, chiariamo che sono diverse le spese che si possono portare in detrazione con i modelli 730 e Unico 2016 da quelle sanitarie alle spese scolastiche a quelle veterinarie, alle spese sostenute per la ristrutturazione della propria abitazione e per l’acquisto di mobili, alle spese funerarie.

Per usufruire di ogni detrazione, bisogna avere i documenti che testimonino l’effettiva spesa sostenuta, vale a dire scontrini parlanti, bonifici, fatture e ricevute. Le ultime notizie sulle spese funebri riferiscono che da quest’anno non vi è più il vincolo dei parentela con il defunto, chi paga le spese funebri può detrarre le spese dalla dichiarazione dei redditi entro il nuovo limite massimo di spesa detraibile di 1.550 euro. Fino all’anno scorso, i contribuenti potevano fruire della detrazione 19% Irpef delle sole spese funebri sostenute per conto di un parente, vale a dire nei confronti di una persona discendente dalla stessa famiglia in linea retta quindi padre e figlio, nonno e nipote, e in linea collaterale fratelli, zii e nipoti ecc.

Da quest’anno, invece, le sono spese funebri detraibili sono sostenute in dipendenza della morte di persone, per un importo massimo di 1550 euro per ciascuna di esse e calcolando la detrazione del 19%, per esempio, su 1.550 euro la detrazione del 19% è di euro 294,50, che corrisponde alla quota massima di spesa da poter portare in detrazione nella dichiarazione dei redditi. Se la spesa viene sostenuta da più contribuenti, la detrazione di 294,5 euro deve essere suddivisa tra tutti quelli che hanno contribuito alla spesa per il funerale.

Per quanto riguarda le spese sanitarie, possono essere detratte le spese sostenute per farmaci e parafarmaci, che comprendono farmaci omeopatici, farmaci galenici-magistrali, medicinali da banco o di automedicazione (OTC) e le restanti tipologie, i farmaci SOP-OTC, medicinali fitoterapici, e spese mediche se testimoniate dallo scontrino parlante, per il 19% dell’importo eccedente la franchigia di 129,11 euro. Passando alle spese scolastiche, i contribuenti che hanno figli che frequentano le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo e secondo grado possono detrarre le spese sostenute nel corso del 2015 per la frequenza scolastica dei figli e per la mensa scolastica fino a 400 euro per ogni alunno.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il