BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie oggi mercoledì quota 100, mini pensioni tra Associazioni Industriali, Def, Gruppo Pensioni, Parlamento

Tutti i prossimi appuntamenti della settimana che potrebbero avere conseguenze sulle novità per le pensioni: quali sono e cosa prevedono




Anche da oggi questa settimana si preannuncia decisamente ricca e importante per eventuali novità per le pensioni: sono infatti diversi gli appuntamenti che potrebbero avere diverse conseguenze sulla realizzazione di cambiamenti pensionistici, soprattutto alla luce delle ultime notizie provenienti dall’Europa.

Pensioni novità Elezioni Confindustria: Manca ormai poco più di una settimana all’elezione del nuovo presidente di Confindustria, una nomina che potrebbe avere influenze sulle novità per le pensioni. Il 31 marzo si saprà chi diventerà nuova guida dell’associazione degli industriali e che, certamente, in un piano di rilancio dell’economia attraverso le imprese, continuerà a sostenere, seguendo le orme di Giorgio Squinzi, novità per le pensioni. L’associazione degli industriali, del resto, è sempre stata favorevole a novità per le pensioni, proprio perché collegate al lavoro e capaci, permettendo l’uscita prima ai lavoratori più anziani, di rilanciare occupazione e produttività, attraverso il turn over, e quindi competitività delle imprese. Buone le probabilità di vittoria di Vincenzo Boccia sostenuto dai giovani industriali e che ritiene siano necessari interventi per un welfare di tipo integrativo che garantiscano serenità per il futuro.

Pensioni novità Comitato Pensioni: Continuano anche la prossima settimana le riunioni del Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio: mercoledì 30 marzo si discuterà della questione delle ricongiunzioni pensionistiche; giovedì 31 marzo poi saranno presentate una serie di interrogazioni che riguarderanno principalmente il tema della regolarizzazione contributiva e una proroga del termine per la discussione dell'impatto in termini di genere sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne. Nulla dunque in settimana sulle misure che dovrebbero rientrare nel Testo Unico, tra quota 100 e quota 41.

Pensioni novità Parlamento: Intanto, in Parlamento si continua a discutere del nuovo Fondo Indigenza che, potrebbe prevedere novità per le pensioni, considerando i tagli alle prestazioni assistenziali agevolate legate all'Isee, che potrebbero permettere finalmente di compiere il primo passo verso quella divisione di spesa assistenziale e spesa prettamente previdenziale, dando la possibilità di mettere da parte nuove risorse economiche che, in un secondo momento, potrebbero essere usate per novità per le pensioni positive.

Pensioni novità Def: Si fanno sempre più concitati i lavori per la definizione del nuovo Def, il Documento di Economia e Finanza che pone le basi per le misure della prossima Manovra in base alla disponibilità di soldi e che, secondo le ultime notizie, sarà presentato il prossimo 15 aprile. Fino a qualche giorno fa sembrava quasi impossibile che in esso vi potessero rientrare anche le novità per le pensioni, ma probabilmente alla luce delle ultime aperture dell’Europa, è possibile che l’esecutivo ponga le basi anche per cambiamenti pensionistici. Del resto, le vere discussioni sulle misure della prossima Manovra inizieranno a settembre prossimo per poi continuare ad ottobre, in modo da arrivare, come di consueto, all’approvazione della Manovra entro dicembre. E fino ad allora, l’Italia avrà ottenuto dall’Europa anche la seconda valutazione, che arriverà a maggio, e, si spera, anche nuovi fondi che potrebbero essere impiegati per le novità per le pensioni, anche se si dovrebbe comunque trattare di provvedimenti sperimentali, considerando che i soldi sarebbero temporanei e non adatti quindi ad una revisione strutturale delle norme pensionistiche oggi in vigore. Se le novità per le pensioni rientreranno davvero nella nuova Manovra, il prossimo passo sarà capire se saranno attuate attraverso decreto attuativo, e quindi entreranno in vigore l’anno prossimo, o con legge delega, e quindi sarebbero rimandate tre due anni.

Pensioni novità Manifestazioni sindacali: Le forze sociali hanno annunciato per il prossimo 2 aprile una nuova mobilitazione a livello nazionale per chiedere all’esecutivo novità per le pensioni e per il lavoro, interventi che, come dimostrano le ultime notizie su andamento dell’occupazione giovanile e situazione pensionistica, meritano di essere messi in atto. Secondo i rappresentanti sindacali, infatti, non è più possibile rimandare questi temi, è arrivato il momento di dare ai cittadini risposte concrete e soluzioni. E tra i piani di uscita prima su cui le forze sociali rilanciano, la quota 41, che permetterebbe l’uscita per tutti con 41 anni di contributi indipendentemente dalla soglia anagrafica che si raggiunge, ma che vorrebbero fosse approvata senza penalizzazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il