BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Conti deposito Marzo-Aprile 2016: le migliori offerte per rendimenti, condizioni, durata, tassi interesse a confronto

Come funzionano i conti deposito, da cosa e come sono tutelati e le migliori proposte attualmente disponibili: quali sono e condizioni




Le migliori offerte di conti deposito disponibili per questi ultimi giorni del mese di marzo resisteranno certamente anche nei primi dieci giorni di aprile. Prima di procedere, comunque, all’apertura di un conto deposito, p bene conoscerne le caratteristiche principali, le condizioni proposte, i tassi garantiti e le offerte da valutare in base alle proprie esigenze ma anche all’importo che si scegliere di investire. Nonostante i problemi bancari italiani, i conti deposito continuano, infatti, ad essere lo strumento privilegiato dagli italiani che hanno un po’ di liquidità da parte e vogliono metterla al sicuro. I conti deposito, del resto, sono garantiti e protetti per somma fino a 100mila euro da Fondo di Tutela Interbancario.

Ciò significa che in caso di sofferenza o fallimenti dell’istituto di credito presso il quale si deposita il proprio denaro, se si hanno più conti intestati la garanzia massima totale sarà di 100mila euro; se si è titolari di più conti presso istituti di credito differenti, la garanzia sarà fino a 100mila euro per ciascuno dei conti a lui intestati; mentre nel caso di conti cointestati, ogni intestatario ha una garanzia massima di 100mila euro. Interessanti sono anche i rendimenti proposti dai conti deposito, che possono essere liberi, cioè permettono di depositare il denaro senza alcun vincolo temporale e permettono di ritirarlo in ogni momento in cui si decida e senza il pagamento di alcuna penale; o vincolati, che prevedono cioè una sorta di investimento a termine, con vincoli che vanno, in genere, dai 3 ai 36 mesi e anche oltre, non permettono di svincolare prima della scadenza del tempo scelto il denaro investito e i prodotti che lo permettono prevedono comunque il versamento di una penale che varia in base a tempo di anticipo in cui si ritirano prima i soldi e rendimenti maturati. Vediamo di seguito le migliori proposte di conti deposito attualmente disponibili.

Conto deposito CheBanca!: E' un Conto deposito vincolato che offre la possibilità di ritirare anche anticipatamente rispetto alla scadenza fissata l'importo investito e gli interessi. I vincoli proposti sono a 3, 6 o 12 mesi. Chi apre questo conto deposito entro il prossimo 15 aprile, avrà un tasso di rendimento del 2% di interessi su nuove somme vincolate a tre mesi. I tassi garantiti al momento sono dello 0,50% per vincoli a tre mesi, dello 0,70% per vincoli a 6 mesi, e dell'1% per 12.

Contro Deposito Credem: Il conto proposto da questo istituto è Deposito Più vincolato, destinato a tutta la clientela privata per nuove somme investite in Credem nei 60 giorni precedenti la sottoscrizione/prenotazione della partita tramite bonifico, versamento in contanti e/o assegni; nel conteggio saranno sottratte le uscite superiori a 5.000 euro nel medesimo arco temporale; prevede un importo di sottoscrizione minimo per singola partita pari a 5.000 euro e massimo 1.000.000 euro; e non prevede costi di gestione, ad eccezione della imposta di bollo. Questo conto permette di richiedere il rimborso anticipato in qualsiasi momento, con il pagamento di una penale, pari allo 0,033 per mille del capitale sottoscritto per ogni giorno di vita residua.

Conto deposito Rendimax: Il conto deposito Rendimax Vincolato permette di vincolare la propria liquidità a 3, 4 o 5 anni con tassi di rendimento decisamente buoni e propone due soluzioni di liquidazione: First, liquidazione anticipata che prevede la liquidazione immediata degli interessi; e Top, che prevede una liquidazione posticipata per depositi pari o superiori a 90 giorni e gli interessi saranno liquidati ogni trimestre secondo il calendario solare e alla scadenza del deposito. L’apertura e la gestione del conto deposito Rendimax è totalmente gratuita e l’importo minimo vincolabile è di mille euro. Tornando ai tassi previsti, per la scadenza a 3 anni il tasso di rendimento si attesa sul 2,15%, per la scadenza a 4 anni sul 2,30% e per la scadenza a 5 anni sul 2,60%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il