BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pesce d'Aprile 2016: gli scherzi e le bufale più belle di oggi 1 aprile 2016 e quelle dell'anno scorso

Domani sarà il primo aprile, giorno famoso perché si tengono tanti scherzi, ecco che tra gli scherzi che si possono fare si possono riproporre di nuovo i più belli dello scorso anno.




Ci sono tantissimi scherzi che lo scorso anno hanno avuto un grande successo, ecco quelli più divertenti. Tra gli scherzi che lo scorso anno hanno divertito di più gli italiani alcuni sono stati prodotti dal web, oggi infatti è facilissimo diffondere su internet, soprattutto su social network come facebook e twitter, notizie falsi e magari divertenti.

Oltre agli scherzi che si possono fare attraverso la rete, ci sono anche tanti scherzi che si possono fare in modo reale, tra questi ecco alcune idee che risultano essere divertenti ma non cattive. In particolare, se si vuole fare uno scherzo in casa, si potrebbero modificare l'orario di tutti gli orologi, in questo modo in casa vostra scoppierà il caos più totale e voi potrete farvi delle grasse risate. Un altro scherzo che lo scorso anno ha fatto molto ridere, che si può fare in casa, è quella di sostituire lo zucchero con il sale e viceversa, un altro scherzo divertente ma non cattivo.

Se invece ci si trova fuori con degli amici e si va a cena si può fare uno scherzo incredibile, come agitare una lattina o bottiglia di coca cola e poi farla aprire al vostro amico, vedrete che effetto che farà.

Un altro scherzo divertente può essere quello di riempire l'iombrello di piccoli pezzetti di riso, in modo che quando una persona lo va ad aprire gli piove tutto riso in testa, naturalmente prendete pezzetti piccoli di riso altrimenti rischiate di fare male.

Infine uno scherzo un pò più cattivello che ha avuto successo è stato quello di nascondere il portafoglio a qualcuno e fargli credere che glielo avevano rubato, si tratta di uno scherzo che di sicuro avrà il suo effetto anche se può risultare un pò crudele.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il