BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie affermazioni nuove e indicazioni da Zanetti, Bellanova, Padoan, Favero su quota 100,mini pensioni,quota 41

Quali sono le novità per le pensioni rilanciate da Favero, Catalfo, Bellanova, e ministro Padoan e viceministro Zanetti: cosa potrà effettivamente cambiare




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO): Infatti, altri esponenti come Catalfo di M5S vorrebbe rivedere l'intero sistema con delle novità per le pensioni sostanziali e aggiungere anche l'assegno universale per tutti con un costo di circa 10 miliardi stimati minimo all'anno. Quindi una revisione, o meglio una riscrittura totale della norma e potrebbero per questi motivi non essere neppure così propensi a votare un quota 100 o un quota 41 che pure sarebbe già un importante passo avanti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO): Il problema della ragioneria di Stato e delle coperture è stato ripreso da Favero che ha messo in luce per le novità per le pensioni una seconda verità che viene considerata intoccabile dalla maggioranza ovvero che si possono fare dei cambaimenti e dei miglioramenti ma non sostanziali e radicali. Sono questi i due punti fondamentali come riferiscono ormai tutte le ultime notizie e ultimissime e che sono la grande differenza rispetto le opposizioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO): La stessa Bellanova ha avuto, poi, un ruolo importante sempre per le novità per le pensioni per favorire le donne con metodi per uscire prima e ha lavorato per far uscire prima i docenti nella famosa quota 96 impegnandosi attivamente, ma poi, come si ricoderà tutto fu bloccato dalla Ragioneria. Da sottolineare come, comuque, dalle ultime notizie e ultimissime si apprende anche che sia una fedelissima alla maggioranza attuale andando contro alla decisioni delle perequazione dell'Alta Corte ad esempio

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO): Bellanova, invece, è chi potrebbe sostituire chi si è dimesso. Ha avuto grande esperienza nel Dicastero del Lavoro lavorando per le novità del pensioni ai tempi di Prodi, aumentano le minime e non facendo cambiera l'età delle donna e lo ha più volta sottolineato in diverse affermazioni ufficiali. Ma è stata protagonista anche in tempi più recenti sempre sulle novità per le pensioni come abbiamo visto riprtendendo alcune ultime notizie e ultimissime che poi vi spiegheremo

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO): Nuove affermazioni sono state rilasciate da Zanetti sulle novità per le pensioni una persona che come abbiamo detto anche nelle ultime notizie e ultimissime non ha mai, al momento, fatto false promesse avvertendo come sia complesso cambiare l'attuale struttura. E dopo ulteriori dati per l'importanza delle pensioni per l'equilibrio debito/Pil ha precisato ancora una volta che novità per le pensioni drastiche sono irrealizzabili in questo momento, ma ci sono possono essere dei miglioramenti con i vari metodi per uscire prima ma sempre che ci siano le condizioni economiche per farlo (miglioramento Pil, Spending Review) e sempre legate a penalità ed è da approfondire anche il discorso del ricalcolo assegni più alti (ricordiamo che Zanetti è firmatario di una norma contro i vitalizi già depositata)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO): Come sempre abbiamo raccolto le affermazioni più interessanti sulle novità per le pensioni di diversi esponenti che hanno caratterizzato le ultime notizie e ultimissime. Eccole in una prima lettura a cui seguiranno ulteriori analisi e nuove affermazioni di altri attori attivi a diverso titolo per le pensioni.

Mentre i partiti politici si dividono sulle novità per le pensioni da portare avanti, tra chi rilancia su piani di quota 100 e quota 41, chi sulla mini pensione, e chi sull’assegno universale, le diverse personalità politiche continuano ad esprimere le loro posizioni. L’intenzione, come emerge anche dalle ultime notizie, sembra comune, e vale a dire quella di cambiare effettivamente la legge pensionistica attuale, ma la realtà sembra ben diversa, perché nonostante la ripetuta ribadita volontà di cambiamento, nulla di concreto è stato ancora fatto. A bloccare ancora la realizzazione qualsiasi novità per le pensioni è la mancanza delle adeguate risorse economiche e l’esponente del Pd Favero ne è pienamente consapevole.

Pur ribadendo la necessità di cambiare le attuali norme pensionistiche, sa che i problemi di soldi rappresentano un grosso problema da risolvere ma auspica che quanto dichiarato dal ministro dell’Occupazione, e cioè affrontare novità per le pensioni con la prossima Manovra, possa diventare un piano realistico. Effettivamente qualche settimana proprio il ministro aveva annunciato che, pur non essendoci nell’immediato novità per le pensioni in vista, nei prossimi mesi potrebbero essere avviate le discussioni necessarie per definire cambiamenti da introdurre nuova Manovra.

Se qualcuno appare, dunque, fiducioso che possa farsi qualcosa di concreto entro la fine dell’anno, per altri è urgente che novità per le pensioni vengano messe sul tavolo immediatamente, soprattutto alla luce delle ultime notizie sugli assegni mensili percepiti dai pensionati. Dagli ultimi dati, infatti, è emerso che ben 18 milioni di italiani percepiscono una pensione inferiore a 750 euro al mese, e sono tantissimi altri quelli che raggiungono appena i 500 euro mensili. Si tratta di una situazione che, secondo la vicepresidente della Commissione lavoro del M5s al Senato Catalfo, deve essere risolta nel più breve tempo possibile. Ed è per questo che è tornata a rilanciare con forza l’introduzione dell’assegno universale.

Considerando, infatti, che ad oggi, secondo quanto spiegato dalla Catalfo, troppi pensionati percepiscono una pensione misera che oscilla tra i 400 ed i 750 euro al mese, è necessario che l’esecutivo parta dalla loro tutela per riuscire ad assicurare a tutti pari dignità di vita. Nuova protagonista del dibattito previdenziale Teresa Bellanova che potrebbe subentrare alla guida del Ministero dello Sviluppo Economico al posto della Guidi. Il suo ingresso nella squadra dell’esecutivo potrebbe rivelarsi importante per le discussioni sulle novità per le pensioni: la Bellanova, infatti, è un'ex sindacalista della Cgil e ha trattato tanto le pensioni già dal 2007, proponendo e portando avanti sia la necessità di aumento delle pensioni minime sia di equiparazione dei requisiti di uscita dal lavoro per uomini e donne.

Si è inoltre dichiarata contraria al sistema di ricalcolo degli assegni come proposto dall’Istituto di Previdenza ed è stata tra coloro che si è sempre battuta per risolvere la condizione dei quota 96 della scuola. E’ chiaro, dunque, come si tratti di una personalità che si è sempre dimostrata sensibile al tema delle pensioni e che potrebbe aiutare nel percorso di cambiamento dell’attuale legge, senza però rivoluzionarla del tutto, che poi è da sempre l’intento dello stesso premier. Dal canto suo, invece, il ministro dell’Economia Padoan continua a non fare alcun diretto riferimento alle novità per le pensioni, ribadisce la sua apertura solo all’assegno universale di tipo comunitario e apre a ulteriori spiragli di cambiamenti vista la volontà di voler avere dall’Europa l’extra deficit richiesto, in modo da avere maggiori incentivi e risorse da poter impiegare per concretizzare interventi positivi, tra cui tanti sperano possono rientrare anche le novità per le pensioni.

Particolarmente attento ai conti pubblici e agli eventuali costi che novità per le pensioni implicherebbero anche il viceministro dell’Economia Zanetti. Per il viceministro, infatti, i sistemi di prepensionamento come quota 41 e uscita a 62 anni di età sono da valutare, come ha recentemente ammesso, ma si tratta di piani che pur a fronte di penalizzazioni sono costosi, per cui da valutare per bene. Si è anche detto nuovamente pronto alla cancellazione dei vitalizi d’oro, ribadendo però che le priorità dell’esecutivo al momento non sono ancora le novità per pensioni ma innanzitutto per coloro che vivono forti condizioni di difficoltà perché rimasti senza occupazione ma anche senza pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il