BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41, tasse, elezioni, referendum oggi Direzione Pd (AGGIORNAMENTO)

E’ in programma oggi 4 aprile la nuova riunione della Direzione del Pd ma regna ancora caos e confusione: quali prospettive per novità pensioni e altri temi cruciali?




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:03): Stiamo seguendo cosa sta accadendo oggi lunedì nella Direzione Pd, nel Congresso, direttorio dove ha parlato il Premier, ma anche già diversi membri dell'opposizione interna in questa pagina

Oggi, lunedì 4 aprile, è in programma il Direttorio del Pd, organizzato per trovare accordo su questioni cruciali ma che in realtà si prospetta decisamente concitato, viste le ultime notizie sull’andamento delle discussioni politiche. E’, infatti, nuovo scontro nell'esecutivo ma anche all'interno della maggioranza: non si riesce a trovare accordo e condivisione su nessuna questione cruciale, dalle novità per le pensioni, al piano di taglio delle tasse, al referendum sulle trivelle, a nodo sulla riforma di voto. E la prossima settimana, precisamente, l’11 aprile sarà avviata in Aula la discussione ddl Boschi, ma le opposizioni hanno chiesto un rinvio del voto, previsto per il 12 aprile, la maggioranza si è detta contraria e considerando questo scontro non si preannuncia decisamente nulla di buono.

Maggioranza e opposizione di nuovo contro e ci si chiede quando si riuscirà a raggiungere un accordo di lavoro: si tratta infatti di una condizione imprescindibile per portare avanti la realizzazione di tutti gli altri provvedimenti volti a rilanciare l’economia del nostro Paese. Tra questi, necessariamente, anche le novità per le pensioni e, si spera, la concretizzazione di quel piano delle tasse annunciato dal premier. Queste due misure, a sorpresa, potrebbero essere rilanciate nelle prossime settimane, in vista delle elezioni amministrative e per permettere all’esecutivo di riconquistare consensi ed elettori.

Il problema, però, è capire innanzitutto se e quante risorse economiche sono disponibili per l’attuazione di ogni novità e quindi quale sia la modifica migliore sia per sostenere cambiamenti per l’attuale legge pensioni, sia per modulare un graduale taglio delle tasse. Il problema, però, è che finora ogni novità per le pensioni è stata bloccata proprio dalla mancanza di soldi, per cui ci si chiede ora da dove dovrebbero essere recuperati i soldi? E se davvero si lavorerà in tal senso o gli annunci di novità potrebbero ancora una volta restare solo parole senza trasformarsi in realtà.

E la situazione si profila piuttosto confusa: è vero infatti che si continua a discutere di novità pensioni ma, tra richieste sempre più insistenti da parte delle diverse forze politiche, che rilanciano su novità come quota 100, quota 41, mini pensione, uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni, e manifestazioni organizzate dalle parti sociali ‘arrabbiate’ con l’esecutivo per il nulla di fatto ancora sulle pensioni, diversi tecnici dell’Economia hanno chiaramente dichiarato che al momento non si può fare nulla per le pensioni, rimandando tutto ai prossimi mesi ancora e aprendo all’unica possibilità di introduzione dell’assegno universale, ma a livello comunitario.

E in questo caso non si tratterebbe di apertura ad una novità per le pensioni, quanto di un adeguamento al modello europeo, considerando che si tratta di una misura a sostegno di chi si ritrova a vivere in grossa difficoltà già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi europei, motivo per il quale anche l’Italia dovrebbe allinearsene. Per il resto, la situazione potrebbe essere più chiara dal prossimo maggio, quando si attende al nuova valutazione da parte dell’Europa che deciderà se concedere o meno l’extra deficit richiesto dal nostro Paese. E solo allora si saprà se, avendo più soldi a disposizione, potranno essere approvate anche novità per le pensioni, che, però, dovrebbero essere sperimentali, considerando che i fondi concessi sarebbero temporanei e non definitivi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il