BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie grande attesa venerdì, risposte ufficiali Renzi e incontri mercoledì, giovedì quota 100, mini pensioni

Quali sono le prospettive di eventuali novità pensioni che potrebbero emerge in settimana: appuntanti e riunioni importanti in programma




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:44)  L'attesa maggiore rimane, comunque, per venerdì dove vi potrebbe, usiamo il condizionale, perchè indicato ma non confermato nelle ultime notizie e ultimissime il Consiglio dei Ministri che potrebbe presentare il DEF dove si attendono novità per le pensioni nero su bianco anche se sarà difficile che vi siano nonostante le promesse per la prossima manovra di inserimenti di quota 100, quota 41, mini pensioni e ricongiunzioni per uscire prima.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:14) Nel pomeriggio odierno vi sarà il primo incontro riguardante il secondo Comitato ristretto per le novità per le pensioni appena creato, mentre domani mercoledì vi sarà quello sul testo unico basato principalmente su quota 100, ma anche quota 41. Il vero problema e la speranza è che almeno per le ricongiunzioni si possa arrivare ad una conclusione e ad una nuova norma unica molto prima di quanto si sta facendo nel primo Comitato che è da oltre un anno che lavora senza trovare la giusta convergenza seppur a parole nelle ultime notizie e ultimissime paiono tutti d'accordo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): Per quanto riguarda le ricongiunzioni si è deciso di creare un secondo comitato ristretto alla Camera per le nvoità per le pensioni affiancandolo a quello già attivo da circa un anno per cercare di creare una norma unica per quota 100 e quota 41 eventualmente. L'idea è quella di poter risolvere l'errore che tutti hanno anche nelle ultime notizie e ultimissime hanno sottolineato, apputo come errore, di ricongiunzioni onerose e a pagamento e più complesse che bloccano l'uscita prima di migliaia di persone. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Si continua ad avanzare con gli incontri per le novità per le pensioni e ne sono previsti diversi nei prossimi giorni. Schematicamente possiamo così dire riassumendo le ultime notizie e ultimissime:

- Pensioni novità martedì: Comitato Ristretto nuovo per ricongiunzioni
- Pensioni novità mercoledì: incontro per testo Unico quota 100, quota 41 primo Comitato Ristretto Originario
- Pensioni novità giovedì: interrogazioni in Aula su pensioni e occupazione domande e risposte scritte prevalentamente.
- Pensioni novità venerdì: possibile Consiglio dei Ministri con presentazione in anteprima del DEF anche se nulla è ancora stato stabilito ufficialmente.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:47) Numerosi sono gli impegni già previsti nel corso dei prossimi giorni per le novità per le pensioni e sono essenzialmente su tre livelli ovvero riunioni legislative, dei tecnici e dei Dicasteri. Come confermano le ultime notizie i Comitati per le pensioni si riuniranno i prossimi tre giorni martedì, mercoledì, giovedì mentre venerdì potrebbe esserci un atteso CDM per una prima presentazione dei programmi economici, ma nulla è ancora, in questo caso, definito ufficialmente.

Dopo il caos delle primarie del Pd, la polemica nata sul referendum che si terrà domenica 17 aprile sulle trivelle a mare e in vista delle prossime elezioni amministrative, lunedì 4 aprile è stato convocato un nuovo incontro del Direttorio del Pd. Avrebbe, in realtà, già dovuto tenersi qualche settimana fa, poi rimandato a causa dell'incidente in Spagna che ha coinvolto studentesse italiane in Erasmus. Il progetto è quello di affrontare durante l'incontro le questioni cruciali ancora aperte, nonchè soluzioni per ricompattare la maggioranza. E si chiederà quali sono gli obiettivi e le cose da fare da parte dell’esecutivo stesso. La dimostrazione di quanto questo incontro possa essere utile per allentare la situazione interna sta proprio nei rapporti sempre più tesi fra la minoranza e la maggioranza renziana, una situazione di scontro che si ripercuote anche sulle novità per le pensioni.

Le ultime notizie confermano infatti che i diversi partiti politici spingono su differenti novità per le pensioni, tra piani di quota 100, mini pensione, quota 41 ma anche uscita con 62 anni di età, 35 anni di contributi e penalizzazioni, e introduzione dell’assegno universale, ma che si cono contrasti all’interno della stessa maggioranza per quanto riguarda le eventuali novità da approvare e gli stessi Ministeri mostrano posizioni completamente diverse, con i tecnici del Tesoro che, ancora una volta, sono tornati a ribadire come novità pensionistiche non arriveranno nel breve tempo ma saranno rimandate ai prossimi mesi. L’attenzione da parte loro continua ad essere puntata su mancanza di soldi necessari e tenuta del conti pubblici.

Le prospettive di lavoro su novità per le pensioni potrebbero iniziare a disegnare qualcosa di concreto con i prossimi incontri del Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio: lo stesso Comitato ha deciso di dividersi e lavorare su due strade distinte, una per la definizione del Testo unico, con piani di quota 100, e forse anche 41; e una per la revisione del sistema di ricongiunzioni. E si dovrebbe iniziare a lavorare in tal senso proprio a partire da questa settimana. Sempre nel corso di questa settimana che sta per aprirsi si continuerà a lavorare sulla Delega Povertà, cruciale per sistemare quei problemi di ‘spreco’ di denaro emersi anche in questi ultimissimi giorni con i recenti dati sull’erogazione delle false pensioni di invalidità.

Secondo questi dati, infatti, ben 5 miliardi di euro sarebbero stati pagati per prestazioni assistenziali risultate alla fine false. E la Delega Povertà dovrebbe rivelarsi cruciale in tal senso, perché mira alla revisione e al taglio di agevolazioni e prestazioni assistenziali alle famiglie. La prossima settimana entra poi nel vivo la prima fase di definizione del nuovo Def, Documento di Economia e Finanza, che come spesso ripetuto pone le basi per le misure della prossima Manovra e che sarà presentati il 10 aprile, e che potrebbe presentare alcune sorprese, soprattutto alla luce del lavoro che l’esecutivo sta compiendo per cercare di convincere l’Europa a concedere al nostro Paese un extra deficit, che potrebbe rivelarsi fondamentale per la definizione di novità per le pensioni.

La speranza, però, è che si lavori in maniera completamente diversa rispetto a quanto fatto l’anno scorso: nel Def non vi era alcun riferimento a novità per le pensioni ed effettivamente nella scorsa Manovra nulla è stato fatto. Ma la necessità di cambiare l’attuale legge oggi è sempre più evidente per cui l’auspicio è che vegano inserite nel Def novità anche minime per le pensioni che, però, nel corso del tempo, se saranno concessi nuovi soldi, potrebbero anche cambiare, visto che le discussioni vere e proprie sui provvedimenti della nuova Manovra inizieranno tra settembre e ottobre. Se a maggio, l’Europa darà quei 3 miliardi in più, tra le ipotesi di impiego ci sono certamente le novità per le pensioni, anche se si dovrebbe ben pensare a come impiegarli.

Si tratta, infatti, di fondi temporanei che pertanto dovrebbero essere impiegati in misure sperimentali, i quanto prima o poi si esauriranno per cui non possono essere usati per novità pensioni definitive. Perché queste vengano approvate, è necessario procedere ad una revisione innanzitutto di spesa interna, continuando con i tagli iniziati sulla spesa pubblica, per arrivare, finalmente, a quella tanto discussa divisione tra spesa assistenziale e spesa pensionistica, che permetterebbe di recuperare soldi utili per l’attuazione di successive novità per le pensioni positive. A questo potrebbe aggiungersi quel famigerato taglio ai vitalizi che, nonostante sia chiaramente importante tanto per dimostrare l’intenzione di ristabilire equità sociale, tanto per evitare ulteriori sprechi di fondi importanti, ancora non riesce ad essere approvato. E potremmo dire anche, quasi paradossalmente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il