BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41 nuova alleanza Baretta e Poletti,con idee Boeri ancora non condivise

Il sottosegretario Baretta al fianco del ministro Poletti per rilanciare la mini pensione per uscire prima: no al ricalcolo contributivo. Le ultime novitÓ per le pensioni e cosa aspettarsi




Lasciano ancora perplessi i nuovi dati sulle pensioni degli italiani: secondo le ultime notizie, infatti, sarebbero circa mezzo milioni gli italiani che percepiscono la pensione da oltre 36 anni. trattamenti che, come spiegato dal presidente dell'Istituto di Previdenza Boeri, pesano sui contribuenti, motivo per il quale rilancia sulla necessità di imporre un contributo sulle pensioni più elevate, ipotesi che però è stata decisamente respinta dal ministro del Lavoro Poletti. Quest'ultimo però, a sostegno del progetto di Boeri, ha lasciato intendere che qualche cambiamento per novità per le pensioni più 'morbide' e flessibili si potrebbe fare. Boccia la proposta di ricalcolo contributivo anche il sottosegretario all'Economia Baretta che resta convinto del fatto che l'attuale legge pensioni debba essere rivista, non stravolgendone però l'impianto principale.

Resta, infatti, ancora l'unica legge che riesce a garantire sostenibilità finanziaria al nostro Paese, ma è anche vero che impone una forte rigidità che merita di essere rivista. Secondo Baretta, la soluzione migliore al momento sarebbe la mini pensione. Nulla ancora dunque su quota 41 o quota 100. E, a sorpresa, infatti, Baretta si schiera al fianco del ministro Poletti che qualche settimana fa aveva rilanciato proprio su questa novità per le pensioni, ritenendola la più fattibile perchè a costo zero, senza alcun rischio, dunque, che permettendo l'uscita prima si intacchino i conti pubblici.

Le ultime posizioni di Baretta sulle pensioni rappresentano un deciso passo indietro rispetto ai progetti di cambiamento iniziali, considerando che il sottosegretario è stato firmatario del piano di uscita con quota 100 insieme al presidente del Gruppo ristretto per le pensioni a Montecitorio, ed ora torna a rilanciare la mini pensione. Le ultime posizioni di Poletti e Baretta sulle novità per le pensioni riportano, dunque, posizioni ancora ben lontane da quelle del presidente dell’Istituto di Previdenza Boeri, a partire dal no al ricalcolo contributivo. Boeri che, ricordiamo, per attuare novità per le pensioni concrete, ha innanzitutto detto che sarebbe necessario convincere l’Europa che i piani di prepensionamento al vaglio dell’esecutivo ormai da mesi sarebbero convenienti e vantaggiosi, sia in termini lavorativi sia in termini di risparmi sul lungo periodo, motivo per il quale bisognerebbe rivedere i vincoli del Patto di Stabilità.

Divide, tuttavia, la proposta non soltanto del ricalcolo contributivo per i trattamenti più elevati ma anche l’eventuale introduzione dell’assegno universale, nonché quel piano di uscita prima a 63 anni e sette mesi di età con almeno 20 ani di contributi. E’ chiaro come, nel perseguire novità per le pensioni, supponendo che le ultime parole siano di Ministero di Occupazione ed Economia, al momento potrebbero essere privilegiate soluzioni come la mini pensione, anche se, così come elaborata dallo stesso Ministero del Lavoro, più che una vera e propria novità per le pensioni rappresenterebbe una ennesima prestazione sociale, visto che dovrebbe permettere l’uscita prima solo a coloro che restano senza lavoro e che riceverebbero, fino al momento della maturazione dei normali requisiti richiesti, una sorta di accompagnamento da restituire poi con piccole decurtazioni sull’assegno finale.

Nonostante si tratti di una novità ben definita, non si profilano al momento notizie interessanti, e che lasciano sperare in novità per le pensioni concrete, sul nuovo Def. Dovrebbe ormai essere presentato a giorni nella sua prima versione, ma non dovrebbe prevedere per questa fase novità per le pensioni, come tuttavia era stato già preannunciato. Mancando, infatti, le risorse economiche necessarie, era difficile pensare che qualcosa di nuovo sarebbe stato inserito per le pensioni, e le ultime notizie la momento confermano questa ipotesi.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il