BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie su mini pensioni, part time, quota 41, quota 41 e novità fattibilità affermazioni nuove Governo Renzi

Il difficile momento che sta vivendo l’esecutivo e le ripercussioni su novità per le pensioni e altri temi cruciali: situazione e prospettive




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:22) Abbiamo visto come la fattibilità non può essere messa in dubbio, se si vuole si può fare e si possono anche fare cose per le novità per le pensioni anche meno costose o addirittura a zero euro. Basta avere l'intenzione e la volontà. Certo, però, che la coperta è corto e bisogna decidere strategie e priorità. E su questo punto sarebbe meglio decidere una novità per le pensioni tra quota 100, mini pensioni o quota 41 piuttosto che l'aumento delle pensioni più basse per rilanciare l'economia e la produttività come nelle ultime notizie e ultimissime (si veda il taglio delle imposte e occupazione si è sempre detto)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:22) Uno dei veri problemi per poter fare almeno una delle novità per le pensioni indicate sono i fondi necessari. Se come abbiamo visto quando c'è la volontà politica tutto si può fare (basti pensare a imu cancellata contro i pareri di tutti), la situazione economica non è semplice con almeno 24 miliardi da coprire della precedente manovra. Ma qualcosa si deve fare. A questo punto, fino a poco tempo fa, le priorità dalle ultime ultime notizie e ultimissime erano il taglio delle tasse, ma gli 8 miliardi necessari sono difficili da reperire soprattutto se non si conoscono bene ancora alcune risposte dell'Europa. Aumetare le pensioni più basse costa meno, dai 2 ai 4 miliardi che si pososno trovare più facilmente e insieme si potrebbe cercare come indicato da alcunie esponeneti di favorire una sorta di mini pensioni-staffetta finanziata dalla banche e dalle imprese. In modo tale da una parte favorire le fasce più deboli dall'altra accontentare chi vuole uscire prima e dire almeno a parole (poi i risultati concreti si vedranno) che si è favorita anche l'occupazione il ricmabio generazionale. Mettendo in pace sia opposizione interna che elezioni amministrative.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:52): Come detto sotto, le opposizioni non credono nelle possibilità delle novità per le pensioni appena dette a tutti i livelli, proprio pensando alle difficoltà oggettive dei costi e delle trattative in corso con l'Europa che sono almeno stano alle ultime notizie e ultimissime in una fase positiva, ma non così favorevole. C'è da dire che le stesse affermazioni sono state fatte più volte nel corso dell'ultimo anno e che ne rivedremo dopo alcune. Tra l'altro anche da Barbara D'urso solo qualche mese fa si era parlato di pensioni più basse, revisione assegni più alti e metodi per uscire prima. Ma questa volta dalle parole si potrebbe passare i fatti almeno per uno degli elementi visti visto la criticità politica interna del momento. Ma non ci si deve fare ovviamente false illusioni come vedremo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:35): Le reazioni a queste parole con gli obiettivi almeno delineati ufficialmente per le novità per le pensioni non si sono affatto fatti attendere sia da una parte che dall'altra come raccontano le ultime notizie e ultimissime. Cuperlo, che aveva avuto parole durissime al Direttorio definendolo un leader non altezza e che spesso aveva l'arroganza dei capi, ha detto che se fosse così non ci sarebbe altro che alzarsi in piedi ed applaudire, mentre Brunetta lo ha definito un ottimo venditore e di pensare ai 40-50 miliardi di euro da trovare nelle prossima manovra.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:57): Renzi ha risposto direttamente agli italiani su Facebook e Twitter a proposito delle novità per le pensioni aprendo come ipotizzavamo a delle novità per le pensioni su due punti fondamentali probabilmente perchè come si diceva i sondaggi delle elezioni amministrative non sono così positivi e la crisi interna della maggioranza non è così risolto. Un aumento delle pensioni più basse, con bonus degli euro euro e una revisione delle pensioni seppur misurato e parziale per permettere di finanziare metodi per uscire prima come quota 100, mini pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:47): Le varie difficoltà del Governo Renzi che sta attraversando in questo ultimo periodo come riportano le ultime notizie e ultimissime potrebbe dare una accelerazione importante per le novità per le pensioni, magari non tra quelle più importanti, ma per smuovere le acquee e far vedere che ci sta muovendo per una fetta di elettorato che prima di tutto è scontenta e che poi non riguarda solo pensionandi e pensionati, ma in modo travsersale numerose persone come vedremo.

Prima scontri e dissidi nella maggioranza, poi uno squilibrio che ha portato all’ingresso nella stessa maggioranza di attori politici inaspettati, come il gruppo dei verdiniani, poi le polemiche che hanno travolto il ministro Boschi per il coinvolgimento del padre nella questione banche, poi le divisioni sulle votazioni delle coppie di fatto, quindi le telefonate scandalo e le successive dimissioni del ministro Guidi: queste ultime notizie confermano una crisi di governo che certamente non accenna a placarsi. Nonostante il premier si impegni per mandare avanti il suo esecutivo e nonostante in vita delle prossime elezioni siano già diverse le novità lanciate per cercare di riconquistare consensi ed elettori, dal taglio delle tasse, alla cancellazione del bollo auto a novità per le pensioni, seppur minime, il caos non sembra risolversi.

E la soluzione per tanti sarebbe andare alle elezioni anticipate: lo ha già proposto Di Maio del M5S, annunciando di essere anche pronto a candidarsi come premier per sfidare Renzi e lo hanno proposto le opposizioni, mentre c’è chi, all’interno dello stesso esecutivo, auspica una riorganizzazione di un governo nato di centro sinistra e pian piano diventato di centro destra, ed è chiaro quindi come serva un po’ di ‘ordine’ e comprensione. E la conferma di questa necessità arriva anche dalle parole del leader di SinistraDem Cuperlo che, commentando quanto accaduto con il ministro dello Sviluppo Economico, ha espresso rammarico, perché ha spiegato che si tratta di un episodio che dimostra come l’Italia stia cambiando davvero poco e molto lentamente perché se fosse stata sulla via di uno sviluppo reale episodi come quello accaduto non si sarebbero mai verificati. E parla della necessità di un ‘tagliando’ per l’esecutivo.

In questa operazione di ‘tagliando’ sarebbe necessario inserire discussioni e analisi non soltanto di quello che sta accadendo all’interno dell’esecutivo ma di questioni cardine che potrebbero servire all’esecutivo stesso per riconquistare una fiducia che ormai sta lentamente crollando, a partire dalle novità per le pensioni. Del resto, Cuperlo e i suoi sono sempre stati dalla parte della necessità di approvazione di novità per le pensioni, urgenti per sostenere non soltanto i pensionandi che si sono visti allungare l’età di uscita dal lavoro, ma anche i giovani che oggi si vedono chiuse le porte del mondo occupazionale, e i pensionati che percepiscono sempre meno al mese.

Lo stesso Cuperlo, alle soglie della presentazione della scorsa Manovra, era ben consapevole del fatto che non sarebbe stata approvata alcuna novità per le pensioni, da quota 100 a quota 41, mini pensione, assegno universale, ma auspicava che quanto meno si riuscisse a prendere un impegno concreto approvando una legge delega, che avrebbe impegnato l’esecutivo a chiudere la questione in tempi certi. Nemmeno però la legge delega è stata mai approvata.

Ci si aspetta ora che in occasione del Direttorio del Partito Democratico di lunedì il premier Renzi faccia un discorso significativo, cosa che potrebbe prospettarsi anche in Parlamento, e a questo punto sarebbe lecito pensare che tra i temi che verranno citati, certamente ci saranno le novità per le pensioni, tra le questioni più scottanti anche per l’opposizione che chiede da sempre modifiche. E potrebbero dunque essere giorni interessanti per capire cosa si farà realmente, tra accelerazione di definizione di novità per le pensioni, che potrebbero passare anche da uno dei metodi  di uscita in prova; e nuove elezioni, anche se si tratta di una ipotesi piuttosto difficile soprattutto alle soglie del referendum di autunno, anche se la prospettiva di nuove elezioni potrebbe dare una spinta maggiore al tema delle novità per le pensioni.

Senza però andare troppo lontano, è possibile, come già detto qualche settimana fa, che le novità per le pensioni possano essere portate avanti anche in vista delle prossime elezioni amministrative. E’ quasi scontato, infatti, aspettarsi che per riconquistare voti, premier ed esecutivo puntino su temi centrali, tra cui certamente le novità per le pensioni, tra bonus fiscali e uscite prima, il problema sarà vedere se annunci e promesse si trasformeranno davvero in realtà, e a quel sì che l’esecutivo riconquisterebbe i consensi persi, o rimarranno solo parole, e allora perderebbe certamente di totale credibilità. Sembrerebbe paradossale, ma, dunque, proprio la crisi di governo potrebbe rappresentare finalmente la spinta concreta alla definizione di novità per le pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il