BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: autocertificazione online e modello cartaceo per intestatari diversi bollette e proprietari case per non pagare

Quella del 30 aprile 2016 è la prima scadenza da ricordare per non pagare il canone Rai 2016 in bolletta.




Questo è il mese della prima scadenza dei tempi di presentazione dell'autocertificazione all'Agenzia delle entrate per non pagare il canone Rai 2016. La condizione essenziale per non versare l'imposta è il mancato possesso di un televisore. Ma naturalmente non mancano i casi particolari, come quello relativo a intestatari differenti dell'utenza elettrica all'interno della stessa famiglia per più case di proprietà. Tra le novità di quest'anno, infatti, si ricordano il pagamento tramite bolletta della luce e il versamento solo sulla prima casa di residenza. E allora, al di là della parte relativa ai dati generali, il modello è composto da due quadri: la dichiarazione sostitutiva di non detenzione (quadro A) e la dichiarazione sostitutiva di presenza di altra utenza elettrica per l'addebito (quadro B).

Per quanto riguarda il quadro A, per il 2016, primo anno di applicazione del pagamento del canone in bolletta, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione va presentata via posta entro il 30 aprile 2016 e in via telematica entro il 10 maggio 2016 per avere effetto per l'intero canone dovuto per l'anno 2016. La dichiarazione sostitutiva presentata via posta dal primo maggio 2016 ed entro il 30 giugno 2016 e in via telematica dall'11 maggio 2016 al 30 giugno 2016 ha effetto per il canone dovuto per il semestre tra luglio e dicembre 2016. La dichiarazione sostitutiva presentata dal primo luglio 2016 ed entro il 31 gennaio 2017 ha effetto per l'intero canone dovuto per l'anno 2017.

Dal 2017, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione per avere effetto a partire dal primo gennaio di un dato anno di riferimento deve essere presentata a partire dal primo luglio dell'anno precedente ed entro il 31 gennaio dell'anno di riferimento stesso. Ad esempio, per avere effetto per l'intero canone dovuto per il 2017, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione deve essere presentata dal primo luglio 2016 al 31 gennaio 2017. La dichiarazione sostitutiva di non detenzione presentata dal primo febbraio ed entro il 30 giugno di un dato anno di riferimento ha effetto per il canone dovuto per il semestre tra luglio e dicembre del medesimo anno.

Ad esempio, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione presentata dal primo febbraio al 30 giugno 2017 ha effetto per il semestre tra luglio e dicembre 2017. Il modello sostitutivo di cui al quadro B ha effetto per l'intero canone dovuto per l'anno di presentazione. Si ricorda che in caso di dichiarazioni mendaci ovvero non corrispondenti al vero, le conseguenze sono di tipo penale e, almeno in linea teorica, si rischia il carcere.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il