BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie su pensioni anticipate, mini pensioni, quota 100, quota 41 novità da Fmi per sviluppo e crescita

Nuovo monito dal Fmi per stimolare la crescita economica di Italia: ma quando arriveranno le novità per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:14):  Non ci sono solo i problemi delle tensioni della maggioranza e dei rapporti comunitari come indicano le ultime notizie e ultimissime. C'è anche il Fondo Monetario Internazionale che consiglia di evitare, in questo momento economico, novità per le pensioni e previdenza in generale per concentrarsi sul taglio delle imposte sul lavoro. Certo non ci si rende conto che il problema Italia tra pensioni-occupazione-disoccupazione è probabilmente differente che nelle maggior parte delle altre nazioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:47): Un altro elemento negativo in una situazione già molto difficile per le novità per le pensioni e non solo si aggiunge al quadro delle ultime notizie e ultimissime ovvero le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale che proprio quando tutti le nazioni europee stano predisponendo le basi per i propri bilanci, indica che è bene in questa situazione economica tagliare le tasse sull'occupazione e non lavorare su pensioni e sistemi di aiuto e sostegno da toccarsi solo quando c'è una forte crescita economica e non in questi periodi dove anzi i loro cambiamenti potrebbe mettere più a freno l'economia.

Il Fondo Monetario Internazionale lancia un nuovo monito all'Italia sollecitando nuove politiche per la crescita: le ultime notizie riferiscono infatti di necessità di impulso a riduzione della pressione fiscale, liberalizzazioni e maggiori investimenti in politiche attive per il mercato del lavoro. Tuttavia, in tempi di crisi economica come quelli attuali è difficile mettere in atto misure di stimolo all’occupazione e aiuti sociali, che potrebbero ridurre, anzicchè accrescere, lo stimolo al lavoro.

Si tratta delle misure che potrebbero dare nuova spinta alla crescita italiana, ancora troppo lenta. Nessun accenno dunque a urgenza di novità per le pensioni, nessun sollecito a misure di quota 100, mini pensioni o quota 41, ma a quelle riduzioni delle imposte sul lavoro e per il cuneo fiscale, che riprendono, in realtà, la strategia iniziale dell’esecutivo e  politiche attive per il reinserimento del lavoro.

Nessuna novità positiva nemmeno per l’introduzione di quell’assegno universale, che esiste già in quasi tutti gli altri Paesi europei, e sostenuto anche dall’Europa come unica novità per le pensioni, ma sconsigliato nel nostro Paese proprio a causa della difficile situazione economica vigente. Ciò che si evince dall’intervento del Fmi, dunque, non è la spinta a nuove politiche per agevolare cambiamenti pensionistici, ma per sostenere politiche lavorative. Il problema è che per sostenere politiche lavorative in Italia si dovrebbe partire proprio da quelle novità per le pensioni, come i metodi di uscita prima di cui si parla ormai da mesi, come quota 100, quota 41, mini pensioni che permetterebbero l’uscita prima dei lavoratori più anziani lasciando liberi posti in cui impiegare i più giovani.

In questo modo si creerebbe quel ricambio generazionale che aprendo le porte del mondo occupazionale ai più giovani darebbe nuovo impulso a produttività e competitività e, di conseguenza, all’economia in generale. Convincere l’Europa di questi vantaggio è infatti l’obiettivo del presidente dell’Istituto di Previdenza, ma ciò in cui dovrebbero anche impegnarsi i nostri politici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il