730 precompilato 2017: modello ufficiale finale da scaricare Agenzia Entrate.Cosa cambia, detrazioni, spese quali novitā inserire

Quali sono le spese che si possono portare in detrazione con 730 2017 e tutti i documenti necessari per compilazione modello

730 precompilato 2017: modello ufficiale


Spese scolastiche, mediche e sanitarie, spese veterinarie, spese funebri, spese per attività sportive dilettantistiche dei propri figli di età compresa tra i 5 e i 18 anni, contributi previdenziali, erogazioni liberali a favore di Chiesa o enti sociali, spese di interessi passivi del mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale, spese di agenzie immobiliari, spese sostenute per i lavori di ristrutturazione del proprio immobile, ed eventuale acquisto di mobili d'arredo e cucine sono alcune delle spese che danno diritto a detrazioni e devono essere riportate nel modello 730 2017. Nella versione precompilata, che si potrà scaricare a partire da questa settimana, alcune di queste spese dovranno essere inserite perchè non saranno riportate direttamente.
E tra le detrazioni e le spese da considerare ve ne sono ulteriori che meritano un approfodimetinto perchè sono nuove proprio del 730 2017 e ne abbiamo parlato in questo articolo 730 2017: modello finale ufficiale rilasicato. Nuovi Quadri e detrazioni. Cosa cambia.

Per farlo, basta scaricare il proprio modello 730 2017 precompilato direttamente dal sito dell'Agenzia delle Entrate, dove si potrà accedere tramite inserimento delle proprie credenziali e del proprio, controllare innanzitutto che i dati inseriti siano corretti e quindi procedere con la verifica di eventuali altri dati e informazioni che devono essere inserite o corrette. Chi scarica il modello 730 2017 precompilato online può farlo direttamente in autonomia e provvedere a reinviarlo così come scaricato o modificato sempre in via telematica sul sito delle Entrate www.agenziaentrate.it .

Ma è possibile presentare il modello 730 2017 anche nel classico formato cartaceo, rivolgendosi a Caf e commercialisti. In tal caso, i documenti da presentare sono: documento d'identità e tessera sanitaria e se la dichiarazione è congiunta entrambi i documenti anche del coniuge; codice fiscale del dichiarante e di tutti i familiari fiscalmente a carico; dichiarazione dei redditi presentata nel 2015; ricevute acconti Irpef versati a giugno e a novembre 2016; datore di lavoro attuale, denominazione, domicilio, numero di fax.

E ancora:  Modello CU 2017 semplificato o ordinario rilasciato dal datore di lavoro o ente pensionistico per redditi da lavoro autonomo, disoccupazione, mobilità, cassa integrazione, cassa edile, infortunio, collaborazioni, gettoni di presenza, pensioni estere, o  Modello CU relativo a redditi da lavoro autonomo, lavoro occasionale, diritto d’autore, ecc; eventuale sentenza di separazione del Tribunale e ricevute importi percepiti per l'erogazione dell'assegno di mantenimento del coniuge; visure catastali di immobili di proprietà, dichiarazione di successione e atto d'acquisto o contratto di affitto. Per avere le detrazioni per le spese sostenute sopra indicate, devono essere presentati scontrini, ricevute fiscali, ricevute di bonifici, fatture,  ricevuta di pagamento con carta di credito o bancomat, o estratto conto banca o carta di credito che attestino l'effettiva spesa sostenuta e relativi costi.

Ti č piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il