BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: autocertificazione esenzioni, modelli, seconda cassa, doppi intestari, anziani.Domande e risposte come non pagare

Tutte le novità di pagamento del Canone Rai 2016 e le informazioni utili per la compilazione del modulo di autocertificazione per esenzione versamento Canone: come fare




Sono tante le novità in vigore da quest’anno per il pagamento del Canone Rai e nel corso di questi mesi sono state fornite diverse indicazioni e chiarimenti su nuove modalità di pagamento e regole da seguire. Vediamo cosa cambia.

Quando e come si paga quest’anno il Canone Rai?

Da quest’anno il Canone Rai si paga con addebito in bolletta elettrica per un totale di 100 euro che dal prossimo anno scenderanno a 95 euro. La prima rata di addebito è prevista con la bolletta della luce di luglio quando gli italiani dovranno pagare 60 o 70, e poi si continueranno a pagare dieci euro di rate di addebito nelle bollette successive.

Per cosa si paga il Canone Rai 2016?

Anche per quest’anno il Canone deve essere versato solo sul possesso tv e non per tablet, pc e smartphone.

Chi paga il Canone Rai 2016?

Pagano il Canone quest’anno solo i proprietari titolari di fornitura elettrica di utenze domestiche relative solo alla prima casa adibita ad abitazione principale. Il Canone, infatti, non si paga sulle seconde case e nel caso queste fossero locate, devono versare il Canone Rai gli inquilini che usufruiscono della tv.

Quali sono i casi di esenzione dal pagamento del Canone Rai 2016?

L'esenzione dal pagamento del Canone Rai 2016 vale per coloro che non possiedono la tv, gli anziani di età superiore ai 75 anni di età titolari di un reddito che non supera i 6.713,98 euro annui, per gli intestatari  di diverse forniture elettriche ma della stessa famiglia anagrafica. Sono esenti dal pagamento del Canone Rai anche monitor di videosorveglianza, riparatori e rivenditori tv, militari delle forze Nato, agenti diplomatici e consolari; i militari delle Forze Armate Italiane per cui l’esenzione vale solo per ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate; e gli invalidi degenti in case di riposo.

Dove si può trovare il modulo di autocertificazione per l’esenzione dal versamento del Canone Rai?

Il modulo di autocertificazione è disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate, http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Canone+Rai/, ma anche sui siti del Ministero dell’Economia www.finanze.it, e della Rai www.canone.rai.it.

Quando e come deve essere inviato il modulo?

Il modello deve essere presentato direttamente dal contribuente o dall’erede direttamente online sul sito delle Entrate entro il 10 maggio, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dall’Agenzia, o tramite gli intermediari  abilitati, o tramite raccomandata all’indirizzo Agenzia delle Entrate, Ufficio  di  Torino  1,  S.A.T.- Sportello  abbonamenti  tv- Casella Postale 22, 10121 Torino dal primo maggio entro il 30 aprile. L’autocertificazione sarà valida solo per quest’anno perché ha effetto annuale, per cui deve essere inviata ogni anno.

Come si compila il modulo di autocertificazione?

Il modulo di dichiarazione di non detenzione della televisione si compone di 2 quadri: quadro A, per i soggetti che non hanno la tv; quadro B, per i soggetti che comunicano che il canone Rai è già pagato da un altro membro dello stesso nucleo familiare anagrafico. Insieme alla compilazione di questi quadro bisogna solo inserire i dati anagrafici di colui che chiede l’esenzione e che non possiede la tv.

Quali sono le sanzioni previste per mancato pagamento del Canone o falsa autocertificazione?

Per il mancato pagamento del Canone Rai 2016 sono previste sanzioni fino a 500 euro, mentre chi dichiara di non possedere una tv ma in realtà ne possiede una e ha presentato falsa autocertificazione potrebbe andare incontro a sanzioni pesanti che prevedono addirittura condanne in carcere dai 4 mesi agli otto anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il