BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spesometro 2016 proroga ufficiale Agenzia Entrata ( si attende oggi Gazzetta) e per 730 2016 precompilato quasi sancita proroga

A meno di proroga, l'11 aprile 2016 i contribuenti che devono liquidare l'Iva a cadenza mensile hanno l'appuntamento con lo spesometro.




Spesometro 2016 proroga ufficiale novità e ultime notizie oggi lunedì 11 Aprile: E' stato comunicato dall'Agenzia delle Entrate che è stata decisa una proroga per tutti al 20 Aprile con un comunicato. Seguirà la decisione sulla Gazzetta ufficiale in pubblicazione e con una circolare semrpe dell'Agenzia dell'eEntrate 

Se sullo spesometro 2016 la concessione di una proroga è ancora in dubbio e si rimane sul filo di lana (l'11 aprile i contribuenti devono liquidare l'Iva a cadenza mensile, il 20 aprile 2016 quelli che la liquidano trimestralmente; il 2 maggio 2016 gli operatori finanziari che devono comunicare gli acquisti superiori a 3.600 euro pagati con bancomat o carte di credito), sulla proroga dei tempi di trasmissione del 730 2016 precompilato la strada è in discesa e dal 7 luglio si dovrebbe passare al 23 luglio. Dalla prossima settimana, invece, ovvero dal 15 aprile, sarà invece possibile scaricare il modello direttamente dal sito dell'Agenzia delle entrate.

A ogni modo, anche per questo 2016 e in riferimento allo spesometro, i soggetti che operano al dettaglio e gli operatori turistici non devono comunicare le operazioni attive di importo unitario inferiore a 3.000 euro, al netto dell'Iva, effettuate nel 2015. È una semplificazione che va incontro alle esigenze e alle difficoltà segnalate dagli operatori del settore che proprio attorno alla cifra considerate spartiacque, hanno i maggiori volumi di lavoro: la conseguenza sarebbe ovviamente stata una quantità infinita di comunicazioni da spedire, con tutte le complicazioni del caso.

Sono esclusi dallo spesometro anche i soggetti che trasmettono i dati relativi alle spese sanitarie al sistema Tessera sanitaria. Nel provvedimento che sarà pubblicato nei prossimi giorni viene stabilita, per il 2015, l'esclusione dagli obblighi della comunicazione all'Anagrafe tributaria delle operazioni rilevanti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto, sia per le amministrazioni pubbliche sia per quelle autonome.

Questa previsione, come illustrato nel testo del provvedimento, si colloca in un'ottica di progressiva semplificazione degli adempimenti di natura tributaria. In particolare, l'obiettivo è di proseguire sulla strada aperta con l'adozione della fatturazione elettronica prima e con l'introduzione successiva dello split payment, in modo da continuare nello sfoltimento e nella riduzione delle incombenze che gravano sugli enti pubblici diminuendo sia la mole di lavoro sia la spesa per la sua gestione secondo le norme vigenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il