Referendum Trivelle 2016: votare sì, spiegazioni e perchè. Cosa votare, quando e come

Domenica 17 aprile si vota per il referendum sulle trivelle: cosa votare e i motivi per il sì richiesto da associazioni e comitati ambientalisti

Referendum Trivelle 2016: votare sì, spi


Il referendum di domenica prossima 17 aprile sulle trivelle a mare, voluto Puglia, Basilicata, Marche, Sardegna, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise, rappresenta una nuova occasione per associazioni ambientaliste, comitati no Tav e gruppi dalla parte della tutela del paesaggio, per ribadire l'importanza e la necessità di salvaguardare mari e natura. Gli italiani saranno chiamati sulla possibilità, per le piattaforme già operative, di poter continuare a estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine fino alla fine delle concessioni in atto o fino all’esaurimento del giacimento. Votando sì abrogherebbero le leggi attuali portando allo stop delle trivelle. Se vincessero i no, le trivelle continuerebbero a lavorare.

L’attuale legge prevede che non possano essere concessi nuovi permessi per attività di ricerca ed estrazione nelle acque territoriali ma non prevede nulla per chi ha già le concessioni. E il problema per gli ambientalisti nettamente schierati sul fronte del sì è proprio questo: vorrebbero, infatti, che tutte le piattaforme a mare atte alle trivellazioni venissero bloccate per evitare innanzitutto sfregi ambientalisti ma anche per scongiurare rischi di inquinamento, connessi tanto ai timori di sversamento del greggio a mare, tanto alle stesse piattaforme e opere delle pompe di estrazione, che danneggiano fortemente i fondali.

I motivi per votare sì, secondo associazioni come Legambiente e Greenpeace, oltre che essere legati ai rischi inquinamento, sono dettati dalla necessità di portare finalmente il nostro Paese sulla strada di produzione dell’energia da fonti rinnovabili e pulite, senza considerare che, come spiegato, sono decisamente pochi i vantaggi economici per il nostro Paese legati all’estrazione del petrolio. I problemi di disastri ambientali, inoltre, secondo alcuni tecnici, sarebbero legati anche al rischio, nel lungo tempo, di terremoti causati dallo sfaldamento dei fondali marini continuamente soggetti alle trivellazioni.

Tra i sostenitori del sì al referendum chiamati a votare domenica prossima, Legambiente che tra i motivi addotti per la necessaria abrogazione delle le trivellazioni, in riferimenti ai rischi connessi ai lavori delle piattaforme, ha spiegato che devono essere ben collocate a mare, raggiungendo profondità elevate fino a raggiungere anche migliaia di metri sotto la crosta terrestre ed è proprio questo che danneggerebbe in maniera irreversibile il fondale marino; inoltre, ha sottolineato come eventuali operazioni sbagliate potrebbero causare fuoriuscite di greggio che, anche se minime, comunque provocherebbe un disastro ambientale di grosse proporzioni. 

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il