BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni nulle novità se non in particolari condizioni valide per una accelerazione, riforma: novità lunedì oggi

Sono trascorsi sette anni dal 6 aprile 2009, giorno del terremoto che ha devastato la città dell'Aquila. Ancora tante incertezze.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:34): Sembra davvero difficile che qualcosa possa avvenire subito per le pensioni da tutte le ultime notizie e ultimissime provenienti dalle più diverse fonti. E proprio il fatto che avvengano da fonti diverse fa capire come le novità per le pensioni sia davvero difficile che possano avvenire. Al massimo si potranno mettere le basi come spiegheremo. Se ci dovesse essere una accelerazione sarà solo per dterminate condizioni che si verrano creare come vedremo.

A oggi lunedì 11 aprile 2016, le ultime notizie non giocano a favore delle novità pensioni.

Novità pensioni. La gradualità con cui si sta lavorando sulle novità pensioni è giustifica dalla fase di prolungata incertezza economica che sta attraversando il Paese. Le parole di Mario Draghi, governatore della Banca centrale europea, non cadono certamente nel vuoto. A suo dire, le prospettive per l'economia mondiale sono circondate da incertezza e si pongono interrogativi riguardo alla direzione in cui andrà l'Europa e alla sua capacità di tenuta a fronte di nuovi shock. Non è quindi in caso che il ministro dell'Economia abbia stimato una cresciti inferiore all'1,6% previsto in autunno. Per quest'anno, poi, riduzione del debito certa ma inferiore al previsto: 132,4% e non 131,4%. Insomma, non sono queste le migliori condizioni per intervenire sulle novità pensioni.

E così, nonostante le recenti indicazioni dello stesso premier, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio prima e il viceministro dell'Economia poi, rinviano le novità pensioni alla fine del prossimo biennio. Anche perché, coperture economiche a parte, c'è tensione politica all'interno di Palazzo Chigi, scatenate dalle intercettazioni sulla questioni petrolio in Basilicata che hanno portato alle dimissioni del ministro dello Sviluppo Economico. A ogni modo, con le elezioni amministrative alle porte e con un confronto aperto con Bruxelles, non è da escludere qualche intervento correttivo in corso d'opera sulle novità pensioni.

Riforma Alfa Acciai novità. I dipendenti del principale produttore italiano di tondo per cemento armato hanno approvato l'accordo che prevede elasticità di orari e performance mirate. Sorride Fiom: "La contrattazione svolta in Alfa Acciai dimostra ancora una volta che si possono coniugare le esigenze dei lavoratori in relazione alla gestione della situazione di mercato". La pesante situazione del settore costruzioni ha penalizzato la produzione dell'azienda, con output sceso da 1,5 a 1 milione di tonnellate.

Anniversario Aquila novità. Appare quasi incredibile come a distanza di sette anni dal 6 aprile del 2009, giorno del terremoto che ha devastato la città dell'Aquila, ci sia ancora malessere per una ricostruzione solo parziale. La dimostrazione è arrivata dalle circa settemila persone che hanno partecipato alla fiaccolata per commemorare le 309 vittime. Il corteo è partito dopo le 22 da via XX settembre con destinazione piazza Duomo, cuore del centro storico dove poco dopo mezzanotte e mezza sono stati letti i nomi delle vittime della tragedia. E sono risuonati 309 rintocchi di campana.

Riforma Medusa novità. Quello che traccia Medusa, società del Gruppo Mediaset impegnata nel mondo cinematografico italiano è un bilancio positivo anche se il calo del fatturato è evidente, ma soprattutto le prospettive sono incoraggianti. Secondo il ceo Giampaolo Letta, "nel bilancio delle società cinematografiche la quota forte dei ricavi, che arriva da vendite televisive, è sfasata di due anni rispetto l'uscita. La pay TV può trasmettere un titolo dopo 12 mesi, che diventano 24 per quella generalista. Noi vendiamo sia a Mediaset che a Sky".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il