Pensioni ultime notizie su mini pensioni

Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 41, quota 100 e lo stallo che si rischia per le indagini che proseguono

Le novità pensioni in Italia sono legate alla stabilità dell'esecutivo e agli esiti degli sviluppi dell'inchiesta sul petrolio in Basilicata.



Anche se è in corso il tentativo di limitarne l'impatto, non c'è dubbio che l'inchiesta sul petrolio lucano della procura di Potenza e della Direzione nazionale antimafia stia avendo delle ripercussioni sull'assetto dell'esecutivo e sullo stesso percorso delle riforme, novità pensioni incluse. La dimostrazione più evidente è arrivata dalle dimissioni del ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, finita nell'inchiesta anche se non è indagata. E che ci sia un rallentamento in corso dell'attività di Palazzo Chigi è dimostrato dalla mancata individuazione del suo successore.

Tra i nomi che circolano con maggiore insistenza c'è quello di Teresa Bellanova, tra l'altro ex sindacalista Cgil, sicuramente più attenta e preparata sul fronte delle novità pensioni. Ma allo stato tutto è fermo e si attendono le decisioni del presidente del Consiglio che per ora ha assunto l'interim del Dicastero. L'indagine lucana si articola in più filoni: si indaga sul presunto disastro ambientale per un impianto Eni a Viggiano, sull'impianto Total di Tempa Rossa e sul porto di Augusta (Siracusa). Il problema è che quello che è venuto fuori sembra essere solo la punta dell'iceberg.

Le ultime novità riferiscono come nel fascicolo dell'inchiesta ci sia anche il nome dell'ammiraglio Giuseppe De Giorgi, capo di stato maggiore della Marina dal gennaio 2013. È stato comandante della nave Bradano, della fregata Libeccio e dell'incrociatore Vittorio Veneto, oltre che comandante nel 2006 dell'Operazione Leonte per l'immissione in Libano del contingente italiano nella missione Unifil. De Giorgi è indagato dalla procura di Potenza per associazione a delinquere finalizzata al traffico di influenze e concorso in abuso d'ufficio nel filone che riguarda il porto d'Augusta nell'ambito della più ampia inchiesta sul petrolio in Basilicata.

Prima ancora era stato il turno del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio. In una conversazione intercettata con Gianluca Gemelli, compagno dell'ex ministro Federica Guidi, l'ex funzionario della Ragioneria di Stato e poi consulente del ministero dello Sviluppo Economico, Valter Pastena, fa riferimento a un dossier contenente anche materiale fotografico sul ministro. Il dossier conterrebbe elementi di un rapporto tra lo stesso Delrio ed esponenti della 'ndrangheta: "Non sono mai stato ricattato, né mi sento ricattabile e non ho nessuna foto da nascondere", ha detto il ministro. Dopo l'esposto presentato dal ministro, la procura di Roma ha aperto un fascicolo.



Commenta la notizia

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il

Ultime Notizie