Canone Rai 2016: autocertificazione e so

Canone Rai 2016: autocertificazione e soluzioni già disponibili per problemi su seconda casa, esenzioni, differenti intestatari

I casi in cui bisogna presentare il modulo di esenzione dal pagamento del Canone Rai, come compilare l’autocertificazione e termini di scadenza di invio



Le nuove modalità di pagamento del Canone Rai 2016, che quest’anno costerà 100 euro, con addebito diretto di quanto dovuto in bolletta elettrica stanno creando non pochi problemi per tutti coloro che invece sono esenti dal pagamento e devono presentare l’apposito modulo di esenzione, a seconda dei casi. Possono infatti richiedere l’esenzione dal Canone Rai coloro che non possiedono una tv ma anche gli over 75, i proprietari di seconde case, e intestatari diversi. Per avere l’esenzione del Canone Rai in bolletta elettrica bisogna inviare apposita autocertificazione compilando il modulo disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, della Rai ed anche sul sito del Ministero dell’Economia, entro la scadenza prevista del prossimo 30 aprile, se si decide di inviare il modello per raccomandata, e del prossimo 10 maggio se si decide di inviare il modulo via web, anche se è possibile che il termine di invio dell’autocertificazione prorogato per tutti al 15 maggio.

Le scadenze sono valide per il solo 2016, mentre dal 2017 la scadenza per la presentazione del modulo di esenzione è fissata al 31 gennaio. Due in particolare, come detto, i casi in cui si può chiedere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai: nel caso in cui non si possieda un tv, e per cui bisogna compilare il quadro A; o nel caso in cui si debba dichiarare un’altra utenza su cui far addebitare il costo del Canone Rai, e in tal caso bisogna compilare il quadro B. Il quadro Be deve essere compilato anche da un erede che non fa parte della famiglia anagrafica dell’intestatario della bolletta, ma che paga il relativo Canone Rai.

Nel modulo devono essere poi inseriti tutti i dati anagrafici del’intestatario della bolletta elettrica e quelli relativi, appunto, agli eredi. Una volta compilato il modello deve essere inviato online sul sito dell’Agenzia delle Entrate, per cui bisogna registrarsi ai servizi telematici Entratel o Fisconline, o può essere inviato anche in forma cartacea al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate, ufficio di Torino 1, S.A.T.- Sportello abbonamenti tv- casella postale 22, 10121 Torino, allegando la fotocopia di un documento di identità valido e inviando il tutto tramite raccomandato senza busta.

Anche gli anziani che hanno più di 75 anni possono chiedere l'esenzione se non convivono con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio e hanno un reddito che unitamente a quello del proprio coniuge convivente, non sia superiore complessivamente ad euro 516,46 per tredici mensilità, cioè 6.713,98 euro annui. Anche in questo caso la domanda di esenzione può essere scaricata dal sito dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it, o chiesto agli uffici locali o territoriali delle Entrate presso gli sportelli delle sedi regionali della Rai.



Commenta la notizia

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il

Ultime Notizie