Mediaset-Endemol: problemi di finanziamento del prestito per l'acquisto da parte della banche?

Giornata difficile per Mediaset a causa delle nubi che, secondo un prestigioso quotidiano britannico, si starebbero addensando sull’operazione di acquisto di Endemol



Giornata difficile per Mediaset a causa delle nubi che, secondo un prestigioso quotidiano britannico, si starebbero addensando sull’operazione di acquisto di Endemol. La casa del biscione lo scorso maggio aveva formalizzato un’offerta da 2.6 miliardi di euro circa, in consorzio con John De Mol e Goldman Sachs, per l’acquisizione del 75% dell’azienda di produzione televisiva olandese controllata da Telefonica, mentre a luglio era stata lanciata un’opa sul restante 25%, conclusa con adesioni pari a circa il 95%.

L’acquisizione sembrava andata in porto ma, secondo “The Times”, la crisi del settore dei crediti subprime americani, e la sua trasmissione all’intero sistema creditizio mondiale, starebbero creando problemi al pool di banche incaricate di mettere in piedi il finanziamento da 1.7 miliardi di euro necessario a supportare l’operazione. La situazione non è chiara, ma pare che la sindacazione del prestito, che era fissata per il 24 luglio, sia stata rimandata a fine settembre. Da Mediaset sono comunque giunte indicazioni rassicuranti, soprattutto alla luce del fatto che quelli coinvolti sono istituti di primissimo piano (Goldman Sachs, ABN Amro, Barclays, Credit Suisse, Lehman Brothers e Merrill Lynch), ragion per cui non ci sarebbero reali motivi di preoccupazione.

Probabilmente il portavoce di Mediaset ha ragione, ed il prestito, anche se in ritardo sui tempi previsti, verrà finanziato: Cheuvreux ha però ipotizzato che l’entità potrebbe essere ridotta, costringendo l’azienda italiana ed i suoi partner ad incrementare la quota di capitale impiegata nell’operazione, e magari a pagare interessi passivi più elevati.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il