BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Mutui variabili e fissi, surroga casa e prestiti personali con o senza garanzia Aprile 2016:tassi di interesse migliori,condizioni

Mutui, surroghe e prestiti personali: il trend di richieste in Italia in questi primi mesi dl 2016 e le migliori proposte disponibili. Quale scegliere




Gli italiani sempre più interessati a mutui ma anche a prestiti personali: mentre continua, infatti, il trend positivo di ripresa del mercato immobiliare, da una parte, dall’altra, le difficoltà economiche ancora perduranti spingono molti italiani e chiedere prestiti personali per fronteggiare le spese quotidiane. Vediamo dunque quali sono le migliori proposte di mutui e prestiti disponibili in questo mese di aprile 2016. Partendo dai mutui, interessanti sono i prodotti proposti da Intesa Sanpaolo che ha messo a punto offerte di mutuo sia a tasso variabile che a tasso fisso, particolarmente vantaggiose.

La proposta di mutuo a tasso variabile è Muto Domus Variabile, che permette l’erogazione dell’80% del valore dell’immobile, prevede il pagamento di un'imposta sostitutiva dello 0,25% dell'importo del mutuo erogato se l’acquisto riguarda la prima casa, e spese di istruttoria comprese tra i 400 e i 700 euro in base alla durata prevista del mutuo. Il tasso variabile viene stabilito ogni mese ed è risultato della somma dell’Euribor con uno spread diverso in relazione al rapporto tra l'importo del mutuo e il minore fra il prezzo di acquisto e il valore di perizia dell'immobile cauzionale. Se, per esempio, il rapporto è inferiore al 50%, il tasso sarà dell’1,30% per 20 anni, dell’1,35% per 25 anni, dell’1,40% per 30 anni; se, invece, il rapporto è tra il 50,01% e il 70%, il tasso sarà dell’1,60% per 20 anni, dell’1,65% per 25 anni e dell’1,70% per 30 anni.

La proposta a tasso fisso è Mutuo Domus Fisso, anch’esso che può essere erogato per l’80% del valore dell’immobile, prevede spese di 600 euro di istruttoria, 320 di perizia, circa mille euro per assicurazione scoppio e incendio, e il pagamento delle spese ricorrenti per le spese amministrative mensili di incasso rata (1.5 euro ognuna) e 0.70 euro annuali. L’imposta sostitutiva, infine, è di 425 euro. Questa tipologia di mutuo permette anche la Sospensione delle rate: dopo 24 mensilità regolarmente versate, cioè, è possibile chiedere la sospensione fino a 6 rate consecutive per tre volte durante il mutuo, purché tra una sospensione e l’altra vengano saldati almeno 6 mesi di rate.

Insieme alle proposte di mutuo, crescono anche quelle per la surroga, rinegoziazione del mutuo con un’altra banca che permette di passare a prodotti più vantaggiosi in termini di tassi e durata, senza modificare il mutuo residuo da restituire. In questi primi tre mesi del 2016 la surroga ha registrato un buon andamento e la tipologia di mutuo surroga più erogata in questo periodo è stata quella a tasso fisso con il 72,2% delle sottoscrizioni rispetto al tasso variabile per il quale si è registrato il 23,5%, passaggio che dimostra come, nonostante la convenienza dei mutui a tasso variabile che prevedono un rimborso di una rata mensile più bassa rispetto ai mutui a tassi fissi, questi ultimi siano privilegiati perché assicurano comunque sicurezza nonostante l’eventuale volatilità del mercato.

Come sopra detto, anche le richieste di prestiti personali continuano ad essere alte, sia per quelli tradizionali sia per i prestiti cosiddetti senza busta paga, prodotti creati da banche e finanziarie per adeguarsi ai tempi di crisi e che al posto della garanzia offerta esclusivamente dalla busta paga derivante da contratti a tempo indeterminato prevede anche altre garanzie, come un ipotetico affitto, nel caso in cui si fosse proprietari di un immobile locato, o una terza persona che sarebbe garante nel caso di insolvenza da parte del richiedente il prestito.

Tra le offerte di prestiti senza busta paga, insieme a quelle che si possono consultare direttamente sui siti Compass e Findomestic, la migliore è Special Cash Postepay di Poste Italiane, tipologia di prestito senza busta paga che può essere richiesto da tutti coloro che hanno tra i 18 e i 70 anni, titolari di carta Postepay, e che eroga una somma a partire da 750 euro, con restituzione di quanto richiesto in 15, 20 e 24 mesi e a tassi vantaggiosi. Questo prestito si può richiedere direttamente in qualsiasi sportello delle Poste Italiane e possono richiederlo i cittadini italiani che per gli stranieri, purchè in possesso di un permesso di soggiorno valido, passaporto e un certificato di reddito.

Tra le tradizionali proposte di prestito personale, spicca l’offerta Bnl che prevede l’erogazione di una somma compresa tra i 500 euro e i 100 mila euro da restituire tramite rate mensili per una durata che va da un minimo di 6 mesi fino ad un massimo di 120 mesi, e che prevede un tasso di interessi fisso; seguita dall’offerta Agos Duttilio di Agos Ducato, prestito personale flessibile che permette anche di decidere di modificare l’importo della rata del piano di ammortamento fino a tre volte durante il corso del finanziamento, di saltare il versamento di una rata o di estinguere in anticipo il debito senza dover pagare alcuna penale.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti SETTEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il