Confronto assicurazioni auto: lo renderà disponibile online l'Isvap in maniera obiettiva e oggettiva

Arriverà a breve anche in Italia il “preventivatore” informatico che consentirà agli automobilisti di ottenere comodi preventivi online sulle polizze assicurative, facilitandone il confronto tariffario



Arriverà a breve anche in Italia il “preventivatore” informatico che consentirà agli automobilisti di ottenere comodi preventivi online sulle polizze assicurative, facilitandone il confronto tariffario.

L’Isvap ha infatti bandito una gara europea con una soglia massima d’asta di 240mila euro per la realizzazione di un sistema informatico per fare preventivi di polizze Rc auto. Lo fa sapere in una nota l’Istituto.

«Il preventivatore - spiega la nota - metterà in grado i cittadini di confrontare in modo semplice e chiaro, con un unico accesso Internet, i preventivi Rc auto di tutte le compagnie classificati in base alla convenienza economica. Il portale sarà accessibile sia dal sito www.isvap.it, sia dal sito del ministero dello Sviluppo econonomico www.sviluppoeconomico.gov.it)».

Promossa dal ministero e realizzata dall’Isvap, l’iniziativa si colloca nel “più ampio processo di liberalizzazione avviato in campo assicurativo. In particolare, «mira ad accrescere la trasparenza informativa e a stimolare la mobilità degli assicurati, nella prospettiva di un aumento della concorrenza e dunque di un calo delle tariffe Rc auto nel medio periodo. I documenti richiesti ai partecipanti sono consultabili sul sito dell’Isvap».

Non si tratta di una novità assoluta, infatti molte compagnie già adottano preventivatori online bensì di una nuova frontiera sulla trasparenza. Il sistema infatti consentirà di confrontare le tariffe di tutte le 70-80 compagnie presenti sul mercato una volta inseriti i dati.

I vantaggi del mega-preventivatore sono idnubbi:
1) si capirà chi fa prezzi troppo salati;
2) si avrà subito la Rca meno costosa;
3) si faranno statistiche sui rialzi delle tariffe, mentre ora le associazioni dei consumatori dicono che ci sono stati aumenti, mentre l’Ania (rappresenta le Assicurazioni) sostiene che sono in atto ribassi da qualche anno.

Certo i propositi sono nobili, ma tra il legiferare e il fare c’è di mezzo il mare!

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il