BusinessOnline - Il portale per i decision maker






730 2016 precompilato: chi e come può fare. Scaricare Agenzia Entrate modello o dare mandato Caf. Detrazioni, spese da inserire

Come trasmettere il 730 precompilato online o tramite Caf e commercialisti, controlli e le spese che danno diritto a detrazioni: istruzioni da seguire




Circa 20 milioni di contribuenti italiani da venerdì scorso 15 aprile possono accedere alla loro dichiarazione dei redditi precompilata attraverso il sito dell'Agenzia delle Entrate: è infatti disponibile direttamente sul sito delle Entrate il modello 730 precompilato 2016, destinato a coloro che solitamente presentano la propria dichiarazione dei redditi con il 730, vale a dire lavoratori dipendenti o che percepiscono redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente o da pensione; persone che percepiscono sostegni sociali come indennità di mobilità; persone impegnate in lavori socialmente utili; lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato; lavoratori che posseggono soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa; e produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti di imposta.

Possono usare il modello 730 precompilato anche i contribuenti che nel 2015 hanno percepito redditi da terreni e fabbricati, redditi di capitale, o anche redditi da lavoro autonomo per cui non è necessaria l'apertura di Partita Iva. Per scaricare il proprio 730 precompilato bisogna accedere al sito www.agenziaentrate.gov, inserire le proprie credenziali Entratel e Fisconline e seguendo le istruzioni. Una volta scaricato, il modello dovrà essere controllato ed eventualmente modificato e integrato nel caso in cui siano stati inseriti dati o informazioni errate o queste ultime siano mancanti. Per poter, per, modificare e integrare il modello precompilato bisognerà aspettare il prossimo 2 maggio. I

Il 730 precompilato, con o senza modiche, deve essere poi reinviato all’Agenzia delle Entrare entro il 7 luglio, stessa data di scadenza se si scegliere di presentare il modello nel classico formato cartaceo tramite commercialisti o Caf. Se si presenta in autonomia direttamente online, con o senza modifiche, non si sarà soggetti ad alcun controllo documentale; se invece il 730 sarà trasmesso tramite professionisti abilitati, i controlli documentali scatteranno nei loro confronti, così come eventuali sanzioni in casi di incongruenze.

Per pagare meno tasse è bene inserire nella propria dichiarazione dei redditi tutte le spese che danno diritto a detrazioni, dalle spese sanitarie, mediche e veterinarie, per cui si ha diritto ad una detrazione del 19%, alle spese scolastiche e universitarie anch’esse che danno diritto a detrazioni del 19% su una spesa di 400 euro, a spese funebri, contributi previdenziali, interessi passivi di mutui fino a 4mila euro, spese per lavori di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica, nonché per l’acquisto di mobili relativi all’immobile in ristrutturazione. Per usufruire delle detrazioni è necessario presentare e conservare ogni documento che attesti l’effettiva spesa sostenuta con relativa cifra, come ricevute di pagamenti con carte di credito o bancomat, di bonifici o versamenti, fatture, o scontrini parlanti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il