BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Def 2016: novità e misure per rinnovo contratti statali, sbloco, pensioni ultime novità, riforma tasse dopo trivelle referendum

La vera partita sul futuro delle novità pensioni e sulle principali questioni in ballo si gioca con le elezioni comunali di giugno.




Chiusa la partita del referendum sulle trivelle, quali conseguenze sull'attività dell'esecutivo e cosa raccontano le ultime notizie intorno ai temi chiave di pensioni, tasse, rinnovo contratti statali e con un ddl concorrenza ancora da approvare? Un paio di osservazioni sono necessarie. Il quorum, ovvero il numero di elettori necessario perché una votazione sia valida, non è stato raggiunto e, almeno all'apparenza, può essere una vittoria per il premier che aveva sempre invitato a non recarsi alle urne. Tuttavia i proponenti e i sostenitori del referendum possono legittimamente vedere il bicchiere mezzo pieno perché il quasi 33% che è andato a votare nonostante l'appello del presidente del Consiglio e su un tema così ostico come quello delle trivelle, è un buon risultato.

Più nel dettaglio, i dati rivelano che il quorum è stato raggiunto solo in Basilicata dove il dato ha ballato vicino al 50%, superandolo in extremis. In fondo alla classifica è finito il Trentino Alto Adige (23%). Ancora più scarsa l'affluenza alle urne degli italiani residenti all'estero (poco più del 19%). È stata Matera, invece, la città più partecipe (53%), subito seguita da Potenza (49%) terra natale dell'ex capogruppo del Partito democratico Roberto Speranza, oppositore interno del premier. In Toscana l'affluenza è stata del 30% (a Firenze del 26%). Nella Puglia di Michele Emiliano è andato alle urne il 42% dei cittadini (a Lecce il 47%).

La prova del nove, in realtà, si avrà con le elezioni comunali del 5 giugno 2016, in cui sono interessate anche le città di Milano, Roma, Napoli, Bologna, Torino. Gli ultimi sondaggi, anche in confronto alle elezioni europee, non sono così positivi per il Partito democratico. La posta in gioco è alta e la partita è aperta in tutti i grandi capoluoghi. Ecco allora che il premier, che ricordiamo è anche segretario del Pd, potrebbe riaprire alcuni dei fascicoli più scottanti e in grado di spostare voti e consensi. Su tutti ci sono le novità pensioni, il rinnovo del contratto degli statali, rispetto a cui è obbligato a procedere in seguito a una sentenza dell'Alta Corte, e la riduzione delle tasse.

E non è proprio un caso che si tornato d'attualità quel bonus di 500 euro ai giovani che il presidente del Consiglio aveva fatto passare con la manovra finanziaria di fine anno. Insomma, il giochi non sono ancora fatti, anche considerando che questi non solo sono i giorni della definizione della versione finale del Documento di economia e finanza 2016, ma anche quelli della discussione e dell'approvazione del disegno di legge Concorrenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il