Bonus 100 euro aumento da 80 euro Renzi: calcolo, come funziona,chi spetta, da quando in busta paga e stipendio subito 2016 o 2017

Tra le novità più importanti c'è l'ipotesi di aumentare il bonus lavoratori da 80 a 100 euro e di coinvolgere anche i pensionati con la minima.

Bonus 100 euro aumento da 80 euro Renzi:


Dalle ipotesi di aumentare il bonus da 80 a 100 euro fino ad arrivare ai fatti concreti, i tempi potrebbero essere lunghi. Potrebbero, appunto, perché con le elezioni alle porte (la posta in palio è la conquista di Milano e Roma), Palazzo Chigi potrebbe accelerare i tempi predisponendo un decreto per consentire di far passare lo scatto già belle buste paga di giugno e luglio. L'esecutivo dovrà fare i calcoli per verificare l'impegno di spesa e individuare i tempi più idonei per rendere sostenibile la misura. Più facile che possa passare con la manovra di fine anno, tale da rendere effettivo il nuovo bonus tra i mesi di gennaio e marzo del 2017.

Sarà naturalmente decisiva l'individuazione dell'esatta platea dei beneficiari perché, stando alle ultime notizie, potrebbero essere coinvolti anche i pensionati con gli assegni al minimo. Resterebbero quindi esclusi gli incapienti ovvero coloro che guadagnano meno di 8.000 euro all'anno, e le partite Iva, sia a regime ordinario e sia agevolato. In parallelo restano fuori le prestazioni a sostegno del reddito soggette a tassazione separata come Tfr Fondo di garanzia, Tfr esattoriali, indennità di maternità per lavoratrici autonome e indennità di maternità e indennità di malattia per gli assicurati iscritti alla gestione separata, in qualità di liberi professionisti e titolari di partite Iva.

Il bonus spetta a lavoratori dipendenti e assimilati, cioè i compensi percepiti dai lavoratori soci delle cooperative, le indennità e i compensi percepiti a carico di terzi dai lavoratori dipendenti per incarichi svolti in relazione a tale qualità, con reddito annuo lordo fra 8.000 e 26.000 euro lordi l'anno, ma non nella stessa misura. Tra i 24 e i 26.000 euro, infatti, decresce fino all'azzeramento. Si tiene conto anche delle somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio, premio o sussidio per fini di studio o addestramento professionale, dei redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, delle remunerazioni dei sacerdoti, dei compensi per lavori socialmente utili in conformità a specifiche disposizioni normative.

I contribuenti che non hanno diritto al bonus devono riferirlo al datore di lavoro che recupererà la somma nelle buste paga successive entro i termini di effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno o di fine rapporto. I sostituti di imposta devono determinare la spettanza del credito e il relativo importo sulla base dei dati reddituali a loro disposizione. In particolare devono effettuare le verifiche in base al reddito previsionale e alle detrazioni riferiti alle somme e valori che saranno corrisposti durante l'anno, nonché in base ai dati di cui i sostituti d'imposta entrano in possesso, ad esempio, per effetto di comunicazioni da parte del lavoratore, relative ai redditi rivenienti da altri rapporti di lavoro.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il