Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, ricongiunzioni, quota 41 novità da Taddei, Alfano, Morando, Tancredi

Nuovi interventi e ultime affermazioni su eventuali novità per le pensioni dai tecnici dell’Economia Taddei, Morando, Zanetti e di Tancredi



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:03): Alfano ha più volte ribadito l'importanza della famiglia centrale a livello delle politiche della forza che rappresenta. Quindi meno tasse e aiuti concreti. Non è mai andato contro le pensioni, ma non ha mai neppur sostenuto con forza le novità per le pensioni, probabilmente conscio delle tante difficoltà e anche della richiosità dell'argomento. Quindi potrebbe appoggiare delle eventuali novità, ma sempre prima facendo qualcosa a livello di sostegni per la famiglia come lui stesso ha confermato nelle ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:47): Anche Paolo Tancredi delle forze di coalizioni facente parte di Ap la pensa come Zanetti, prima il Fondo Indigenti e poi successivamente le novità per le pensioni vere e proprio. Come si vede, lo Ncd la pensa così, l'Ap pure e come vedremo anche lo Udc con Alfano se non così, conferma nelle ultime notizie e ultimissime, l'interesse massimo per le famiglie più disagiate. (e non solo)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:07): E dalle parole, dalle affermazioni recenti, recentissime si capisce come vi sia una differenza sostanziale su cosa fare da parte di tutti, insomma una sostanziale confusione sulle novità per le pensioni. Per alcuni non si devono fare ora, come nelle ultime notizie e ultimissime ha sempre dettto Zanetti che lo ha fatto anche ora spiegando che lui e la forza che rappresenta vedono altre priorità ovvero gli indigenti, le persone senza lavoro e il taglio delle imposte per favorire l'occupazione. Solo fatto quetso si potrà pensare alle novità per le pensioni. E Zanetti, è da ricordare, anche Vice all'Economia e ha depositate anche norme sulle novità per le pensioni, ma ritiene che non sia il momento adatto o meglio che prima bisogna fare altro.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:33): E come un fiume in piena. Ci stiamo riferendo alle ultime notizie e ultimissime che riguardano le novità per le pensioni e più in particolare delle varie affermazioni di esperti, esponenenti delle varie forze, autorità e responsabili vari. E noi cerchiamo di riportare le più interessanti e di ricostruire un filo logico con le nostre analisi. Molti si dicono stufi di tante parole e vogliono i fatti. Hanno ragione, ma se non si seguono i tanti, e sicuramente troppi ragionamenti o frasi buttate là, non si può capire certamente capire da che parte si sta andando. E la consapevolezza è fondamentale.

Continuano ad essere particolarmente cauti i tecnici dell’Economia sui progetti di lavoro per la realizzazione di novità per le pensioni. Le ultime notizie confermano, infatti, che sta diventando effettivamente sempre più urgente e necessario modificare le attuali norme, o quanto meno lavorare su correzioni soprattutto in riferimento a determinate e specifiche situazioni, ma c’è chi, pur consapevole di tale necessità, rimanda ancora, perché il problema principale è la necessità di far quadrare i conti pubblici, quindi pensare a misure che aiutino chi è rimasto senza lavoro.

Ma la questione pensioni non è chiaramente fuori dalle intenzioni di lavoro dell’Economia. Il responsabile economico del Pd Taddei ha chiaramente spiegato che il tema pensionistico è centrale e che l’esecutivo sta studiando proposte, vantaggi e costi dei piani di uscita prima finora avanzati, tra mini pensione, in tutte le sue versioni, quota 100 o quota 41, e sei continuerà su questa strada, senza pressioni o ‘ricatti’ di alcun genere, si potrebbe facilmente arrivare ad una soluzione politica condivisa, che rappresenterebbe già un primo passo verso la realizzazione di concrete novità per le pensioni, visto che al momento manca.
 
E sull’allarme lanciato dal presidente dell’Istituto di Previdenza sulla pensione a 75 anni per i nati nel 1980, ha precisato che si tratta di un caso limite, di un rischio che, lavorando correttamente e in piena trasparenza, con provvedimenti per tutti, si potrebbe anche evitare. Il viceministro dell'Economia Morando è tornato a spiegare che novità per le pensioni ci saranno ma solo nei prossimi mesi, come aveva già dichiarato tempo fa, senza nascondere le difficoltà oggettive economiche che l’esecutivo ha per rendere concrete le novità per le pensioni. Per Morando, una proposta di cambiamento da cui si potrebbe partire per modificare le attuali norme pensioni è quella di uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalità come avanzato dal presidente del Comitato ristretto a Montecitorio. E per quanto riguarda eventuali piani da cui recuperare quelle risorse che sarebbero necessarie all’attuazione di novità per le pensioni, Morando ha spiegato che saranno definiti provvedimenti che certamente escluderanno un aumento delle tasse a carico dei cittadini.

Anche il viceministro Zanetti, da sempre favorevole a novità per le pensioni, nei suoi recenti interventi ha ribadito come siano prioritarie altre misure, come mettere innanzitutto a punto aiuti per chi è rimasto senza lavoro e non può ricevere la pensione, quindi concentrarsi per la soluzione di problemi che sono nati per coloro che hanno iniziato a lavorare prestissimo, arrivando all’abolizione dei vitalizi d’oro. A proposito di priorità di interventi, Zanetti ha anche sottolineato che quell’apertura da parte del ministro dell’Economia all’applicazione di novità per le pensioni, in realtà non esisterebbe in pratica, perché lui stesso non ha ai fatto riferimento alle pensioni nel documento di programmazione economica.

Paolo Tancredi, capogruppo di Ap, sostiene che, piuttosto che concentrarsi su novità per le pensioni, pensare innanzitutto a chi è rimasto senza lavoro e alla famiglia sia un buon piano di lavoro e le novità sull’Irpef, certamente importanti, dovrebbero essere accompagnate proprio da misure fiscali per le famiglie e per incrementare la natalità.



Commenta la notizia

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il

Ultime Notizie