Prestiti personali con busta paga o senz

Prestiti personali con busta paga o senza garanzia Maggio 2016 pensionati, dipendenti statali, professionisti, privati

Le migliori proposte di prestiti personali ancora disponibili in questi giorni e per i primi giorni del mese di maggio: cosa propongono e quale scegliere



Il trend di richiesta di prestiti personali da parte degli italiani continua ed esattamente come a inizio anno  sono sempre tanti i lavoratori dipendenti, professionistici e autonomi, pensionati ma anche disoccupati che hanno necessità di finanziamenti e decidono di chiedere prestiti per avere a disposizione una maggiore liquidità sia per sostenere spese extra sia per poter avere una maggiore tranquillità per sostenere le spese quotidiane per cui, come già detto diverse volte, a volte non basta più lo stipendio mensile. Di seguito vi proponiamo una serie di offerte di prestiti personali che si possono richiedere con o senza busta paga e che sono al momento le migliori di questa fine del mese di aprile e che resisteranno anche nei primi giorni del prossimo mese di maggio.

Partendo da Poste Italiane, offre proposte di prestito con o senza busta paga. Partendo dalla tradizionale forma di prestito, Prestito BancoPosta, è una tipologia di finanziamento che permette di richiedere da 3 mila a 30mila euro di prestito, con rimborsi compresi tra i 12  e gli 84 mesi. Possono richiedere questo prestito i residenti in Italia, titolari di un reddito da lavoro o di pensione e, una volta concesso il prestito, l’accredito avviene direttamente sul proprio contro corrente BancoPosta per chi ne fosse titolare; sulla propria PostePay, o sul proprio conto corrente bancario. Se la somma richiesta non supera i 10mila euro, è possibile ritirare quanto richiesto anche in contanti direttamente allo sportello dell’ufficio postale.

Poste Italiane propone anche il prestito senza busta paga Mini Prestito BancoPosta per i titolari di carta Postepay, che permette di chiedere una somma a partire da 1.000 euro a 3.000, da restituire in 22 mesi e a tassi vantaggiosi. Questo prestito si può richiedere presso qualsiasi sportello delle Poste Italiane. E’ valido sia per i cittadini italiani che per gli stranieri, purchè in possesso di un permesso di soggiorno valido, passaporto e un certificato di reddito. Anche in questo caso, la somma sarà accreditata direttamente sulla Postepay del richiedente.

Agos Ducato propone ancora Agos duttilio, prestito personale flessibile che permette al cliente di modificare l’importo della rata di rimborso fino a tre volte durante il corso del finanziamento e che prevede un tasso decisamente vantaggioso. Agos Duttilio permette anche di saltare il versamento di una rata o di estinguere in anticipo il debito senza dover pagare alcuna penale.

Altra buona proposta di prestito personale è Come Voglio di Findomestic che può essere richiesto da lavoratori dipendenti, autonomi e pensionati, di età compresa tra i 18 anni e i 75 anni, con possibilità di richiedere prestiti dai mille ai 60.000 mila euro, con rate personalizzate a seconda delle esigenze del cliente. In tempi compresi tra i 18 e i 96 mesi. Non sono inoltre previste spese di apertura pratica e imposte di bollo.

Un'alternativa ai prestiti personali, specialmente utili per piccoli importi e per le spese di tutti i giorni, sono le carte di credito, come ViaBuy, una MasterCard accettata praticamente da quasi tutti gli esercenti del mondo, che viene recapitata a casa in 24 ore dalla richiesta senza alcun controllo di solidità finanziaria e senza nessuna busta paga e senza nessun conto corrente di appoggio. Ha un costo di 29 euro l'anno ed ha abbinato anche un IBAN su cui possiamo far accreditarci soldi, come, per esempio la busta paga.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti SETTEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.



Commenta la notizia

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il