BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Canone Rai 2016: come si può non pagare con la TV legalmente e pagare pur avendo solo cellulari e tablet per Agenzia Entrate

I chiarimenti di Agenzia delle entrate e Ministero dello Sviluppo Economico sugli apparecchi per cui occorre pagare il canone Rai in bolletta.




Per non pagare il canone Rai 2016 occorre non avere il televisore in casa e dichiararlo all'Agenzia delle entrate entro il 15 maggio, sia che sia proceda per via telematica e sia via posta, utilizzando il modulo per l'autocertificazione messo a disposizione dalle stesse Entrate sul suo sito Internet. Tutto semplice fino a un certo punto perché si sono già rese necessarie le prime precisazioni in merito ai dispositivi elettronici soggetti all'imposta. Quel che è certo è che da quest'anno non è più possibile chiedere la disdetta legale dichiarando il suggellamento del proprio televisore inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno all'Agenzia delle entrate Direzione Provinciale I di Torino.

Secondo quanto reso noto da Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia delle entrate, per apparecchio televisivo si intende "un apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare, direttamente (in quanto costruito con tutti i componenti tecnici necessari) o tramite decoder o sintonizzatore esterno". E ancora: per sintonizzatore si intende "un dispositivo, interno o esterno, idoneo a operare nelle bande di frequenze destinate al servizio televisivo secondo almeno uno degli standard previsti nel sistema italiano per poter ricevere il relativo segnale TV".

Da qui la precisazione messa nera su bianco che "non costituiscono quindi apparecchi televisivi computer, smartphone, tablet, e ogni altro dispositivo se privi del sintonizzatore per il segnale digitale terrestre o satellitare". Il canone Rai 2016 si paga invece su ricevitori TV fissi; ricevitori TV portatili; ricevitori TV per mezzi mobili; ricevitori radio fissi; ricevitori radio portatili; ricevitori radio per mezzi mobili; terminale d'utente per telefonia mobile dotato di ricevitore radio/TV; riproduttore multimediale dotato di ricevitore radio/TV, per esempio, lettore mp3 con radio FM integrata.

Oltre agli over 75 con basso reddito familiare ovvero pari a 6.713,98 euro (l'esecutivo ha l'intenzione di alzare a 8.000 euro la soglia dal 2017), sono esonerati dal pagamento i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; le imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il