Pensioni sbagli novitÓ calcoli strategia

Pensioni sbagli novitÓ calcoli strategia Governo Renzi meglio novitÓ quota 100, quota 41 piuttosto che bonus lavoro: novitÓ oggi

La parola Chernobyl evoca ancora timori e a trent'anni di distanza il problema Ŕ ben lontano dall'essere risolto da quel lontano 26 aprile 1986.



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:01): Uno dei dati ulteriori certificato da diversi enti è che la disoccupazione oltre che rimanere molto alto, tendenzialmente dovrebbe aumentare nei prossimi mesi e non solo. I numeri dei contratti a tempo indeterminato nelle ultime notizie e ultimissime sembrano evidenziare per diversi esperti un travaso da altre forme di lavoro precario a questo tipo di contratti agevolati dai bonus, ma se così fosse, non si sarebbero affatto creati nuovi posti di lavoro.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18,49): Le coperture necessarie per le novità per le pensioni variano dai 5 miliardi ai 13 miliardi annui con un risparmio dopo i 15-20 anni. Sono numeri che in base alle novità che si vogliono fare, a come farle e per chi farle cambiano anche in modo sostanziale. Diciamo che tra i 5-7 miliardi si possono fare già quota 100 o mini pensioni e anche quota 41 per moltissimi. Quanto sono costati gli incentivi per le assunzioni? Almeno al momento tra gli 8-10 miliardi e dovrebbero, secondo quanto era previsto, aumentare, anche se ci potrebbero essere degli stop o delle revisioni con minori soldi proprio per mancanza di coperture. Se analizziamo anche solo questi numeri, forse qualcosa è stato sbagliato o è andato storto, ricordando che non sicuramente, ma almeno per 2-3 persone andata in pensione si sarebbero liberato almeno 1 posto per una nuova assunzione. Ma ci sono anche ulteriori dati.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:07): E' stata, forse, sbagliata la strategia del Governo Renzi tra le novità per le pensioni e l'occupazione? E' quanto si chiedono alcuni esperti nelle ultime notizie e ultimissime, analizzando che il Governo Renzi ha spinto al massimo le agevolazioni finanziarie per l'occupazione, ma senza raggiunbgere gli obbietivi prefissati sia occupazione che di aumento dei consumi interni e del Pil. Si poteva fare forse meglio agendo sulle novità per le pensioni che diverse autorità finalmente riconoscono come un blocco alle nuove assunzioni? Una prima riposta è sì, forse, è stata sbagliata la strategia, ma lo vedremo dopo ancora meglio numeri e statistiche alla mano.

Per intervenire con efficacia sulle pensioni, come spiegano le ultime notizie di oggi martedì 26 aprile 2016, occorre intervenire con decisione anche sul fronte del lavoro.

Novità pensioni. C'è evidentemente qualcosa che non va se le novità pensioni non prendono il via e le politiche sul lavoro dall'esecutivo stanno mostrando tutti i loro limiti. Sotto il primo punto di vista, la situazione è di fatto ingessata e i veri cambiamenti sono ancora un miraggio. Per quanto riguarda l'occupazione, invece, allentata la stagione degli sgravi alle imprese, il tasso di assunzione è in picchiata. In assenza di una solida crescita economica, Palazzo Chigi ha deciso di giocare le sue carte sulla concessione di margini di flessibilità da parte di Bruxelles, fondamentale per ritrovarsi quelle risorse da investire anche sulle novità pensioni.

Obiettivo raggiungibile? Sì, secondo quanto esplicitamente affermato dal ministro dell'Economia. Ma naturalmente l'esito è tutt'altro che scontato. La risposta dovrebbe arrivare intorno alla metà del prossimo mese di maggio e, assicurano al Tesor, fino ad adesso non sono arrivati segnali contrari. Di certo, aiuta che la Commissione europea abbia da poco sdoganato la flessibilità per le spese antiterrorismo, e che l'Ecofin abbia rotto il tabù della revisione delle intricate regole della sorveglianza, legate a indicatori difficilmente controllabili dai ministri dell'Economia e non sempre affidabili, come il deficit strutturale.

Riforma Dcns novità. C'è un progetto che prevede la costruzione di 12 sottomarini di nuova generazione in Australia. A spuntarla sono stati i francesi di Dcns che hanno avuto la meglio sui giapponesi di Mitsubishi-Kawasaki e sui tedeschi di Thyssen Krupp. Il valore del contratto è al cambio di 34 milioni di euro. Tra l'altro è stato spiegato che "come Canberra ha dichiarato che prevede di sostituire la Collins dalla metà degli anni 2020, questo dà apparentemente alla compagnia francese del tempo per appianare eventuali problemi tecnici inevitabili con i sub prima di essere lanciati in Australia".

Anniversario Chernobyl novità. La parola Chernobyl evoca ancora timori e a trent'anni di distanza il problema è ben lontano dall'essere risolto. È l'una e 23 del 26 aprile 1986 e alla centrale in Ucraina è in corso un test di sicurezza al reattore 4. Qualcosa va storto, il reattore esplode e si incendia. Le indagini non hanno ancora permesso di capire se la responsabilità principale vada attribuita a un errore dei tecnici, a una sottovalutazione dei rischi nelle procedure, o a difetti nella progettazione dell'impianto e nell'utilizzo dei materiali. I morti furono 65 con 4.000 malati di cancro fino al 2002 ma altre fonti parlano di un milione di vittime.

Riforma Ttip novità. Sopo le polemiche tra Stati Uniti e Germania, i cinque leader del G5 che si sono incontrati a ieri ad Hannover, David Cameron (Regno Uniti), Barack Obama (Stati Uniti), Angela Merkel (Germania), François Hollande (Francia) e Matteo Renzi (Italia), hanno ribadito l'importanza del Ttip, la Transatlantic Trade and Investment Partnership.



Commenta la notizia

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il

Ultime Notizie