BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni e l'impatto Governo Renzi dell'attacco della Germania

Le ultime notizie sulle novitÓ pensioni riferiscono come la partita sia ancora aperta e gli esiti piuttosto imprevedibili.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:07): L'attacco tedesco è stato fatto con estrema forza ed è stato a 360 gradi per colpire in modo particolare le nostre richieste di extra deficit che vorrebbero riscrivere i patti per poter avere più liberta di azione in una manovra che altrimenti servirebbe solo per corpre le clausole di salvaguardia. Non sarebbe un problema, dunque, solo sulle novità per le pensioni, ma molto più profondo come riferiscono le ultime notizie e ultimissime.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:7): Già sono tanti i problemi che deve affrontare nel nuovo bilancio il Governo Renzi tanto che tutto per le novità per le pensioni si dovrà decidere molto più avanti in attesa di una doppia risposta della Comunità così come per le altre tematiche e nel frattempo non a caso le ultime notizie e ultimissime confermano una manovra alternativa in preparazione se non ci dovessero essere i consensi necessari. Ma intanto ecco la Germania che ci attacca e lo fa direttamente visitandoci, mai accaduto prima.

Servono soldi per intervenire sulle novità pensioni. La semplicità di questa corrispondenza è in contrasto con la difficoltà a metterla in pratica. Le ultime notizie continuano a confermare come le coperture economiche per intervenire sul sistema previdenziale siano scarse o inesistenti. Le possibilità di intervento sono in autofinanziamento o comunque con escamotage tecnici non in grado di introdurre vere novità pensioni in un contesto stabile e duraturo. Insomma, si sta rinnovando lo stesso scenario degli ultimi anni che hanno portato alla previsione di sole misure correttive e migliorative delle situazioni più urgenti, ma senza la scrittura di un disegno complessivo di riforma delle novità pensioni.

Le speranze sono per ora affidate a quanto sarà concesso da Bruxelles, ma sono sempre le ultime notizie a frenare l'ottimismo. Intervenendo a una conferenza a Roma il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha detto di essere ancora molto preoccupato dal livello di indebitamento in molto Stati dell'Eurozona. L'indice di indebitamento dell'area, al 91%, è di 25 punti percentuali più alto rispetto al livello pre-crisi. I tempi non sono quindi maturi per una condivisione dei rischi, aspetto sul quale ha detto di non sentirsi ottimista come il ministro dell'Economia italiano. Da quando esiste il Patto europeo, ha ricordato, è stato violato da più Stati, Italia inclusa.

E a rendere paradossale la situazione italiana in ottica novità pensioni è la richiesta di allentamento temporaneo dei vincoli proprio per disporre di quelle risorse utili per intervenire anche nel comparto previdenziale. Non solo, ma è anche atteso il semaforo verde al bonus migranti del valore di oltre 3 miliardi di euro, che verrebbe riconosciuto per l'impegno straordinario dell'esecutivo nel fronteggiare l'emergenza. Eppure in questo contesto di incertezza, il ministro dell'Economia non solo ha aperto all'opportunità di prevedere novità pensioni, ma si è anche detto fiducioso sulla ripresa del Paese e sulle concessioni dell'Europa.

Se siano proclami di facciata o meno, il responsabile del Tesoro ricorda come l'Italia inizi a vedere i primi risultati dell'azione condotta all'interno dell'Ecofin. Di più: stoppata l'offensiva tedesca sul tetto ai titoli di Stato delle banche, si profila una revisione delle regole della sorveglianza dei conti pubblici. Le sue parole sono chiare: "Non ho nessuna ragione" per ritenere che l'extra deficit richiesto non sia concesso, "il dialogo con la Commissione come al solito va molto bene".

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il