BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Mutui, Surroga, Leasing Casa Aprile-Maggio 2016

Come funziona il leasing immobiliare e vantaggi rispetto al mutuo: le migliori offerte attualmente disponibili e trend mutui e surroghe in questi primi mesi del 2016




Non solo mutui per l'acquisto della propria casa: da quest'anno è infatti possibile ricorrere anche alla formula del leasign per acquistare un immobile introdotta dalla nuova Manovra. Ma di cosa si tratta? Nata come formula alternativa al mutuo, il leasing casa funziona esattamente come il leasing usato per l'acquisto di auto con banche o altri intermediari che permettono al cliente di acquistare la propria casa, attraverso obbligazioni per l'acquisto dell'immobile. Il leasing vale sia per l'acquisto di un immobile sia nel caso in cui questo debba essere ancora costruito e prevede il pagamento di un canone concordato calcolato sulla base del prezzo di acquisto o di costruzione e della durata del contratto. allo scadere di quest'ultimo, sarà il cliente a decidere se pagare una maxi rata finale per entrare definitivamente in possesso dell'immobile o meno.

La formula del leasing immobiliare rispetto alla stipula di un mutuo è conveniente perchè non prevede spese di istruttoria, per notai, iscrizioni di ipoteche e rappresenterebbe un finanziamento al 100% per l'acquisto di un immobile, condizione che nessuna banca propone e ai giovani sotto i 35 anni permette di raddoppiare il bonus sulla dichiarazione dei redditi rispetto a quello previsto per i più anziani con detrazioni  Irpef del 19% sui canoni pagati fino a 8.000 euro e sulla rata di riscatto fino a 20 mila euro, mentre sui mutui il 19% si calcola solo sulla quota interessi e fino a 4.000 euro all’anno.

Tra le migliori offerte di leasing immobiliare disponibili per la fine di questo mese di aprile e i primi giorni di maggio 2016 c'è quella di Unicredit: da ieri, infatti, 26 aprile Unicredit offre la possibilità di acquisire la prima casa con leasing immobiliare abitativo soprattutto a giovani e coloro che percepiscono un reddito annuo inferiore ai 55 mila euro. Con questa formula, la banca acquista l'immobile e il cliente paga un canone periodico con l’opportunità di riscattare la casa al termine del contratto e la convenienza della detraibilità fiscale del leasing immobiliare. Per chi ha un’età superiore ai 35 anni e redditi sotto i 55 mila euro, i canoni si possono detrarre ai fini Irpef al 19% fino a 4mila euro l'anno e il riscatto finale fino a 10mila euro, mentre per gli under 35 gli importi detraibili salgono a 8mila euro per i canoni e a 20mila euro per la maxirata finale.

Questa formula di leasing immobiliare va ad affiancare i mutui, che continuano a segnare un trend positivo in questi primi mesi del 2016, e le surroghe, che si sono attestate al 63% delle erogazioni totali, seguiti con il 30,3% dai mutui per acquisto della prima casa, in leggera diminuzione rispetto al primo semestre del 2015. Le richieste dei mutui nei primi tre mesi dell’anno hanno riguardato essenzialmente il tasso fisso con il 72,2% delle sottoscrizioni rispetto al tasso variabile per il quale si è registrato il 23,5%, nonostante quest’ultimo continui ad essere più vantaggioso. Ma il vantaggio che gli italiani vogliono, a quanto pare, è quello di essere tranquilli e il tasso fisso garantisce questa certezza, diversamente dal tasso variabile che particolarmente soggetto alle oscillazioni del mercato.

Tra le offerte di mutui più convenienti ancora per questo mese di aprile e per i primi giorni del mese di maggio 2016, spicca quella di Bancadinamica che, per esempio, per un impiegato di 35 anni che chiede un mutuo di 135mila euro per un valore dell'immobile di 180mila e di durata di 25 anni, prevede il pagamento di una rata mensile di 612,45 euro, tan del 2,60% e taeg del 2,68%, con spese di istruttoria di circa 338 euro e perizia gratis. A seguire c'è la proposta di Mutuo Fisso Webank, che prevede una rata mensile di 621,68 euro, tan del 2,73%, taeg 2,79% e zero spese di istruttoria e di perizia.

Webank propone anche Mutuo Variabile, che prevede il pagamento di una rata mensile di 533,47 euro, con tan dell’1,40%, taeg 1,43%, spese iniziali di istruttoria e perizia gratis e in omaggio c’è un’assicurazione casa. Resiste la proposta di Ing Direct Mutuo Arancio Variabile che prevede, invece, il pagamento di una rata mensile di 522,35 euro, tasso variabile dell’1,45%, taeg dell’1,49% e le spese di istruttoria e perizia gratis.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il