Mobbing sul lavoro: non è un reato penale in Italia

Il mobbing non è un reato previsto dal nostro codice penale per questo il lavoratore che incappa in vessazioni sul luogo di lavoro, può soltanto intraprendere una causa civile e chiedere il risarcimento del danno



Il mobbing non è un reato previsto dal nostro codice penale per questo il lavoratore che incappa in vessazioni sul luogo di lavoro, può soltanto intraprendere una causa civile e chiedere il risarcimento del danno. E' quanto spiega la Cassazione (quinta sezione penale, sentenza n.33624) confermando la decisione del gup di Santa Maria Capua Vetere che aveva pronunciato il non luogo a procedere dei confronti di un preside.

La sentenza della Cassazione dimostra la necessità che si realizzi un legge sul mobbing equiparandolo alle malattie professionali. E' la proposta avanzata da Augusto Rocchi, capogruppo del Prc-Se, in commissione Lavoro alla Camera in riferimento alla pronuncia della Suprema Corte.

Dopo la legge sulla sicurezza nei luoghi di Lavoro - aggiunge Rocchi - bisogna pensarne una che riguarda il mobbing, parificandolo ai temi delle malattie professionali. Stando alla legislazione attuale, fino a che il lavoratore mobbizzato non si ammali di mobbing, la tutela in ambito penalistico non può essere applicata perché è difficile dimostrare il nesso di casualità. Il lavoratore mobbizzato nel frattempo perde gradatamente la stima professionale di sé e la motivazione al lavoro, compromettendo in maniera importante la sua capacità di autoprotezione personale - conclude - che è una delle componenti essenziali per dar vita ad un efficace sistema di sicurezza sul lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il