Pensioni ultime notizie in bilico quota

Pensioni ultime notizie in bilico quota 100, mini pensioni, quota 41, tagli alla sanità e disoccupazione: un mix esplosivo

Le forti criticità del nostro Paese, le mancanze e gli ostacoli all’attuazione di novità per le pensioni: si rischia il collasso



La disoccupazione, soprattutto, giovanile, è tornata prepotentemente a salire in questi primi mesi del 2016 e le ultime notizie confermano un trend decisamente negativo; le auspicate novità per le pensioni, tra piani di quota 100, quota 41, mini pensione, sembrano bloccate e ancora difficili da poter essere realizzate nel breve periodo, e si profilano nuovi tagli alla sanità che non sta certo vivendo un buon momento. Nulla lascia dunque prevedere miglioramenti per il nostro Paese, né tanto meno passi verso quella ricrescita economica auspicata da cittadini ed esecutivo ma richiesta con forza dall’Europa.

Se per quanto riguarda la disoccupazione, dagli ultimi dati Istat è emersa un’altissima percentuale di disoccupati di età compresa soprattutto tra i 15 e i 24 anni, giovani che trovano le porte del mondo del lavoro decisamente chiuse, soprattutto a causa dell’allungamento dell’età pensionabile che obbliga coloro che sono già impiegati a restare a lavoro più lungo, non va meglio per il settore della sanità.

Secondo i dati del rapporto Osservasalute, curato dall’osservatorio sulla Salute delle Regioni, scende l'età media per gli uomini passando da 80,3 anni a 80,1 anni e per le donne da 85 anni a 84,7 anni, perchè si fa meno prevenzione. Le visite mediche costano troppo, sono pochi i finanziamenti destinati alla sanità e a sostenere eventualmente persone in difficoltà e sono troppo lunghi i tempi di attesa per effettuare determinate visite. Un quadro sanitario, dunque, da film horror. Pensare che si muore prima perchè la sanità italiana non funziona bene e costa troppo è certamente una situazione paradossale nel 2016. Eppure è così e questo non fa altro che contribuire a rendere sempre più nero il quadro di vita nel nostro Paese.

Come se non bastasse, il ministro della Salute ha proposto nuovi ulteriori tagli alla sanità, proponendo la chiusura delle guardie notturne lasciando solo a disposizione il servizio del 118, piuttosto che aumentare i posti letto e i punti di prima assistenza. Si tratta tuttavia di una assurdità, secondo molti, perché se così fosse, i medici del 118 si troverebbero a dover far fronte sia alle emergenze in codice rosso sia a visite e prescrizioni per patologie minori, cosa che chiaramente sarebbe insostenibile. E’ chiaro, dunque, come tra quadro negativo della situazione occupazionale e della sanità e mancanza di quelle novità per le pensioni tanto auspicate, tutte situazioni bloccate nei loro miglioramenti a causa della mancanza di risorse economiche, si potrebbe rischiare il collasso, e a poco tempo dalle prossime comunali questo non sarebbe certo positivo per la tenuta dell’esecutivo.

Disoccupati 2016: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona



Commenta la notizia

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il

Ultime Notizie