Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 effetti crisi Governo Renzi con scandali e nuova assemblea 5 Maggio

Nuovo scandalo travolge il Pd sempre più in crisi: servono misure come novità per le pensioni per riconquistare consensi ed elettori



Voti in cambio di favori: un nuovo scandalo, questa volta in Campania, travolge il Pd, con i suoi legami mafiosi, riportando in primo piano la questione morale del partito di maggioranza, proprio alle soglie delle prossime elezioni comunali, acuendo quella crisi di governo iniziata con la spaccatura e la ridefinizione della maggioranza, e proseguite con lo scandalo petrolio in Basilicata che ha coinvolto l'ormai ex ministro dello Sviluppo Guidi, per cui si attende ancora la nomina del successore, ma anche diverse altre autorevoli personalità. E il prossimo 5 maggio è in programma a Napoli l'assemblea regionale del Pd proprio per esaminare e sistemare la situazione del partito in vista delle elezioni amministrative di giugno, cercando il più possibile di evitare ulteriori scandali.

Secondo il segretario regionale del Pd campano Tartaglione, i nuovi scandali sugli affari tra camorra e politica svelano inquietanti intrighi e retroscena che devono essere assolutamente chiariti e allontanati, perché il Pd è il partito della legalità, che mira a sconfiggere la criminalità non a farne parte. E mentre arrivano duri attacchi dalle altre forze politiche di opposizione, soprattutto da parte del M5S, arriva una dura critica anche dall’ex candidato Bassolino. Si tratta, tuttavia, dell’ennesima situazione negativa che, oltre a contribuire ad affossare la fiducia nei confronti dell’esecutivo, tende a bloccare ulteriormente i suoi lavori verso processi di cambiamenti, che comprendono anche le novità per le pensioni.

Si rischia, infatti, il definitivo stallo delle discussioni di interventi importanti, per chiudere innanzitutto queste situazioni che davvero sono scandalose se si continua a pensare e a sapere che la nostra classe governativa continua ad essere legata all’illegalità. Vicende che, tra l’altro, vengono rese note, all’indomani delle ultime dichiarazioni del presidente dell'Anm Piercamillo Davigo, che ha senza mezzi termini accusato una parte della classe politica di continuare a rubare, senza più vergognarsi. Potrebbero sembrare situazioni che nulla hanno a che fare con la definizione di provvedimenti importanti, come le novità per le pensioni, ma così non è. Al contrario, ogni situazione negativa che interessa l’esecutivo significa un ostacolo in più da superare per arrivare non solo all’attuazione di novità per le pensioni, che richiedono particolare attenzione, ma anche a riconquistare quei voti e consensi che l’esecutivo stava già perdendo.

Considerando che tra poco più di un mese si terranno le elezioni comunali, appare sempre più chiaro che per recuperare elettori il governo Renzi debba necessariamente agire con cambiamenti positivi che, oltre c contemplare l’anticipo del piano di taglio delle tasse su cui però si è ritrattato, comprende anche novità per le pensioni come piani di uscita prima tra mini pensione, con o senza staffetta, quota 41 o quota 41, che potrebbero effettivamente essere particolarmente gradite ai cittadini che guardano con grande attenzione al tema pensioni.



Commenta la notizia

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il

Ultime Notizie