Canone Rai 2016: autocertificazione, ese

Canone Rai 2016: autocertificazione, esenzioni. Domande e risposte aggiornate dopo ultime spiegazioni.Chi paga, chi no e come fare

Ultimi chiarimenti ufficiali su modalità di pagamento del Canone Rai e presentazione modulo di esenzione: come e quando presentarlo



Si paga a partire dal prossimo luglio il Canone Rai 2016 che, come ormai noto, sarà addebitato direttamente nella bolletta della luce degli italiani. Chiariamo di seguito tutte le ultime notizie, dopo i recentissimi chiarimenti ufficiali su chi paga e chi tramite presentazione del modello di esenzione.

Qual è il nuovo termine di presentazione dell’autocertificazione per non pagare Canone Rai?

Il termine di presentazione della domanda di esenzione dal pagamento del Canone Rai 2016 è stato prorogato a lunedì 16 maggio sia per chi decide di inviare il modulo online, la cui precedente scadenza era fissata al 10 maggio, sia per chi decide di inviare la richiesta di esenzione tramite raccomandata, il cui precedente termine di invio era fissato al 10 maggio.

Quando arriverà il primo addebito del Canone Rai 2016?

Il Canone Rai si inizierà a pagare da luglio con primo addebito in bolletta della luce di 60, 70 euro per i primi mesi di questo anno. Nelle successive bollette gli addebiti saranno di dieci euro fino al raggiungimento dell’importo di 100 euro.

Quali sono gli ultimi chiarimenti del Mef su chi deve pagare il Canone 2016?

Secondo quanto recentemente precisato dal Ministero dell’Economia il Canone Rai si paga esclusivamente sul possesso tv e non su pc, smartphone, tablet. E lo stesso Mef ha definito come apparecchio televisivo, il dispositivo in grado di ‘ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare direttamente  o tramite decoder o sintonizzatore esterno’. Basandosi su tale definizione, possono non pagare legalmente anche coloro che detengono un Xbox One su cui si è possibile scaricare tutte le app che permettono di guarda la televisione in streaming, o una tv che sia collegate per esempio allo Sky Online TV Box.

Chi può non pagare il Canone Rai?

Sono esenti, come ormai noto, dal pagamento del Canone Rai coloro che non possiedono una tv,militari delle forze armate italiane della Nato, diplomatici, corpi consolari, rivenditori tv, over 75 che hanno un reddito annuo non superiore a 6.713 euro, proprietari di seconda casa che sia sfitta, locata o in comodato, conviventi, colf e badanti ,ma anche monitor di videosorveglianza, insieme, come detto, a tablet, pc e smartphone.

Chi deve presentare l’autocertificazione per non pagare il Canone?

L’autocertificazione deve essere presentata se diversi componenti della stessa famiglia anagrafica sono titolari di più contratti di bollette della luce, perchè il Canone si paga solo una volta per ogni famiglia anagrafica, per cui bisogna comunicare su quale fattura elettrica addebitare il costo; devono presentare domanda di esenzione anche gli eredi che già sono titolati di un’utenza elettrica per cui pagheranno un Canone; nel caso di uso privato della tv se si è intestatari di utenza elettrica residenziale compilando il quadro A del modello; i coniugi che nel 2015 hanno presentato la disdetta per cessione dell’apparecchio tv e non ne hanno comprati di nuovi; gli anziani over 75 con un reddito annuo pari o non superiore a 6.713 euro sommato a quello del proprio coniuge. Al contrario, non è necessario inviare alcuna autocertificazione se il vecchio abbonamento è intestato ad un coniuge e la bolletta della luce all'altro, perché la voltura scatta in automatico, nei casi di vecchi abbonati Rai non titolari di utenza elettrica; di conviventi, colf e badanti; o della moglie, per esempio, che ha sempre pagato l'abbonamento tv mentre l'utenza elettrica residenziale è intestata al marito, perché l’addebito sarà effettuato direttamente sulla bolletta della luce intestata al marito.



Commenta la notizia

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il

Ultime Notizie