Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, ricongiunzioni, quota 100 e in due diverse occasioni precisazioni Renzi

Nuovi interventi da parte del premier su programmi e lavoro dell’esecutivo ma nulla di concreto su novità per le pensioni di uscita prima



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:12): Renzi ha capito che non è certa la vittoria o la stravittoria nelle prossime comunali e che occorre il massimo impegno dove lui stesso si è giocato tutto per il prossimo referendum costituzionale. E a questo punto inizia una nuova strategia di comunicazione diretta o con una relativa mediazione e le novità per le pensioni insieme altri temi più sentiti agli italiani ritornano ovviamente al centro delle ultime notizie e ultimissime.

Il premier Renzi, ancora una volta, torna a parlare, seppur indirettamente, di novità per le pensioni, anche se in maniera piuttosto vaga: secondo le ultime notizie dell’ennesimo appuntamento social del premier, le intenzioni di fare qualcosa di concreto in vista delle prossime elezioni comunali di giugno ci sarebbero ma sul fronte pensionistico resta ancora parecchia strada da fare, nonostante il sottosegretario alla presidente del Consiglio, proprio negli ultimi giorni ha fornito parecchi indicazioni su cosa si potrebbe fare per modificare l’attuale legge, senza innanzitutto stravolgerne l’impianto ma anche senza alcun impatto sui conti pubblici, grazie alle diverse versioni prospettate di una mini pensione che, proprio per essere sostenibile, potrebbe prevede il coinvolgimento di istituti di credito e datori di lavoro stessi.

Ciò su cui si è soffermato il premier in occasione dell’appuntamento domande e risposte è stata la questione dell’annunciato nuovo bonus di 100 euro sia per i pensionati che percepiscono assegni mensili più bassi, sia per i lavoratori statali che guadagnano fino a 26mila euro annui. Si tratta di una novità che, esattamente come accaduto con l’annuncio del bonus di 80 euro per gli statali due anni fa, poi messo in atto, alle soglie delle prossime comunali, potrebbe effettivamente permettere all’esecutivo, come già accaduto, di riconquistare voti e fiducia. Il punto è che i cittadini si attendono anche di più: non solo aumenti ma anche revisione di quei requisiti di uscita dal lavoro che, alla luce degli ultimi dati sulla disoccupazione giovanile, sta diventando evidentemente sempre più urgente.

Nulla, però, è stato detto in maniera diretta su novità come quota 100, quota 41 o anche assegno universale, tanto richiesto da tutti, ma soprattutto unica novità per le pensioni appoggiata da tutti. Altra indicazione data dal premier è stata quella sulle prestazioni legate all’Isee, per cui ha confermato novità in arrivo, senza però chiarire come saranno trattate le pensioni di invalidità, se cioè i trattamenti saranno calcolati ai fini Isee o meno, come è stato del resto deciso dal Consiglio di Stato. Ancora incertezza, dunque, anche su questo fronte, nonostante in alcuni casi, all’indomani del pronunciamento del Consiglio, molti contribuenti hanno già proceduto al ricalcolo dell’Isee, escludendo le pensioni di invalidità.

Altra occasione, oltre quella social, in cui il premier p intervenuto su questione previdenziale ed eventuali novità per le pensioni è stato il programma ‘L’Arena’ di Rai Uno condotto da Massimo Giletti, durante il quale il premier ha parlato di determinate questioni su cui starebbe lavorando l’esecutivo, facendo riferimento, tra le righe, anche a quella dei vitalizi dei politici. Il premier ha, infatti, detto che non lo percepisce e che non lo avrà, facendo forse intendere che esattamente così dovrebbe accadere per i suoi colleghi il che potrebbe preannunciare il possibile arrivo di una norma che abolisca del tutto i vitalizi d0oro ai politici. Ha quindi risposto a chi ci ha attaccato in Europa, spiegando che è necessario che lavorare in vista di priorità che lui solo conosce del proprio Paese e per riuscire ad ottenere quell’extra deficit dall’Europa che aprirebbe nuovi margini di intervento, tra cui ulteriori novità per le pensioni.

Nel suo intervento a L’Arena ha fatto riferimento ai nuovi assetti della politica e della maggioranza, parlando dell’alleanza con i verdiniani, polemizzando contro i grillini che lo attaccano, contro Berlusconi, e spiegando gli obiettivi che l’esecutivo intende raggiungere per continuare a seguire la strada di quel cambiamento che, a suo dire, starebbe portando verso unna ricrescita economica del Paese, nonostante gli ultimi numeri, sia sull’occupazione, sia sull’andamento dell’economia, sia su quello del sistema previdenziale italiani non siano poi così positivi. Si tratta di situazioni che potrebbero cambiare, come più volte spiegato, partendo proprio dal rivedere l’attuale legge pensioni.

Ma anche in questa occasione, Renzi non ha fatto alcun riferimento diretto a novità per le pensioni, nè tanto meno alla questione delle ricongiunzioni, lasciando però ancora intendere di voler approvare il bonus di 100 euro. Resta, tuttavia, da superare l’ostacolo della mancanza di risorse per arrivare ad attuare davvero novità e anche se quelle per il nuovo bonus ci sarebbero, derivanti dai fondi stanziati inizialmente per l’anticipo del piano di tagli delle tasse, per tutto il resto servirà necessariamente attendere l’esito delle trattative dell’Europa per sapere se l’extra deficit richiesto sarà concesso o meno.



Commenta la notizia

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il

Ultime Notizie