Mutui tasso variabile Maggio 2016: offer

Mutui tasso variabile Maggio 2016: offerte nuove. Migliori tassi interessi più bassi, convenienti, condizioni, spese accessorie

Migliori offerte di mutuo a tasso variabile disponibile questo mese: quali sono, cosa propongono e quale scegliere



Esattamente come iniziato nei primi mesi di questo 2016, anche oggi continua il trend positivo di richiesta dei mutui, tanto a tasso fisso quanto a tasso variabile, favorito anche da un abbassamento dei prezzi degli immobili. Rispetto a quanto accadeva fino all’anno scorso, ad essere privilegiati sono soprattutto i mutui a tasso fisso: pur restando, infatti, la convenienza del mutuo a tasso variabile, più vantaggioso e che prevede un rimborso di rate mensili decisamente più basse rispetto a quelle previste dal mutuo a tasso fisso, è soggetto all’andamento del mercato e alle sue oscillazioni e in un momento particolarmente difficile economicamente come quello che l’Italia sta vivendo, gli italiani preferiscono affidarsi alla sicurezza e il mutuo a tasso fisso la offre.

Pur prevedendo infatti il pagamento di una rata mensile più alta, stipulando un mutuo a tasso fisso il mutuatario sa che pagherà per sempre la stessa cifra nonostante le oscillazioni del mercato avendo, allo stesso tempo, la possibilità di programmare ogni altra spesa, con la certezza che per il suo mutuo spenderà sempre la stessa somma mensile. Tra le migliori offerte di mutuo a tasso variabile disponibile per questo mese di maggio 2016 spicca quella di Intesa Sanpaolo che per i mutui stipulati entro il 31 maggio 2016 offre un tasso variabile con spread a partire dall’1,15%, valido per i mutui acquisto, o anche le surroghe, a patto che siano di importo non superiore al 50% del valore dell’immobile e abbiano una durata massima di 10 anni.

A seguire troviamo l’offerta di Ubi Banca che, in realtà, ha pensato ad una proposta per mutui a tasso misto di durata non superiore a 20 anni e per importi non superiori al 50% del valore dell’immobile, che per i primi due anni prevede un Tan dello 0,99% e un Taeg del 2,59% e dopo due anni il cliente può scegliere se proseguire con un mutuo a tasso fisso o passare a un tasso variabile su base Euribor 3 mesi, con lo spread che in entrambi i casi sarebbe dell’1,35%. L’importo minimo finanziabile è di 30.000 euro e quello massimo di 500.000 euro ma per usufruire di questa promozione la richiesta di mutuo deve essere presentata inoltrata entro il prossimo 31 maggio.

Altra nuova offerta di questo mese di maggio e Mutuo Italiano Benvenuto di Mps, proposta di mutuo a tasso variabile che, fino al 24 maggio, prevede uno spread all'1%, ha inoltre una durata che va da 10 a 20 anni, non prevede alcuna spesa istruttoria e i costi di notaio e per la perizia sono a carico della banca nel caso di una surroga. Per fare un esempio di mutuo a tasso variabile con Mutuo Italiano Benvenuto, accedendo un mutuo a 20 anni per un importo di 100mila euro, il taeg sarebbero dell'1%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.



Commenta la notizia

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il

Ultime Notizie