BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: modelli e moduli nuovi non arrivano e mancano risposte a casi Agenzia Entrate. Soluzioni attuale e proroga

Prorogato il termine di invio del modello per la richiesta di esenzione dal pagamento del Canone Rai: ancora problemi però e possibile ulteriore proroga




E’ stato prorogato il termine di scadenza di invio del modello di richiesta per l’esenzione dal pagamento del Canone Rai: inizialmente fissato al 30 aprile per chi avesse deciso di inviare il modulo compilato tramite raccomandata e al 10 maggio per chi invece avesse deciso di inviarlo direttamente online sul sito dell’Agenzia delle Entrate, ora il termine di scadenza di invio del modello è stato rinviato per tutti a lunedì 16 maggio, ma si tratta di una data che potrebbe essere ulteriormente prorogata per una serie di motivi: innanzitutto mancano ancora i nuovi modelli disposti dall’Agenzia delle Entrate e che servono per chiedere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai e quello attualmente disponibile è quello vecchio; e poi perchè mancano ancora una serie di chiarimenti che i contribuenti continuano a chiedere.

Può non pagare il Canone Rai chi non possiede una tv e deve compilare l’apposito modulo che si può scaricare dai siti di Agenzia delle Entrate, Ministero dell’Economia o Rai e inviare sempre direttamente online al sito delle Entrate o tramite raccomandata all’indirizzo Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. Sportello abbonamenti TV, Casella Postale 22, 10121 Torino. Ricordiamo che l’esenzione vale solo per un anno per cui deve essere ripresentata annualmente. Il Canone Rai, che dal prossimo luglio si paga con diretto addebito in bolletta della luce, costerà 100 euro e si deve pagare solo una volta anche nel caso in cui si sia possessori di due case e titolari di più utenze elettriche, semplicemente comunicando su quale bolletta deve essere addebitato il costo del Canone.

Non si paga ancora per quest’anno su pc, tablet e smartphone, non si paga sui monitor di videosorveglianza e non si paga sulle seconde case anche nel caso in cui queste siano locate. In questo caso, infatti, pagano il Canone Rai gli inquilini che hanno la tv e sono intestatari della bolletta della luce ad eccezione che non siano già intestatari di un’altra utenza per cui pagano già il Canone. Sono esenti dal pagamento del Canone Rai anche gli over 75 che hanno un reddito fino a ottomila euro all’anno e gli invalidi degenti in case di risposo ma che non possiedono una tv nella loro casa privata.

Chi ha già provato ad inviare il modulo online per la richiesta di esenzione hanno incontrato un piccolo problema, vale a dire la richiesta necessaria di inserimento delle credenziali Fisconline che, se non si possiedono, si possono richiedere, semplicemente registrandosi online, ricevendo i primi 4 caratteri del Pin di autenticazione e aspettando 15 giorni prima di ricevere gli altri 6 caratteri necessari per l'abilitazione. E’ possibile presentare il modulo con la richiesta di esenzione anche direttamente presso uno degli sportelli dell'Agenzia delle Entrate, così come presso uno degli sportelli di Assoutenti, presentando il modello già compilato e la fotocopia di un documento di identità. Assoutenti si occuperà di consegnare il tutto al Caf che si occuperà di inoltrare il modulo online senza necessità di aspettare 15 giorni previsti per l'arrivo delle ultime cifre del Pin.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il