BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016 guida autocertificazione esenzioni e detrazioni seconda casa, doppia intestazione, anziani, cointestari,conviventi

Chiarimenti su modalità di pagamento Canone Rai 2016 e a chi spetta tra seconda casa, cointestatari, anziani, conviventi, doppia intestazione: quando presentare autocertificazione




Come e quando inviare autocertificazione di non possesso della tv, domanda di esenzione dal pagamento del Canone Rai 2016 e cosa devono fare i proprietari di seconde case, cointestatari, anziani, conviventi, doppia intestazione? Sono queste le domande più frequenti che molti contribuenti si stanno ponendo e che riguardano le nuove modalità di pagamento e di richiesta di esenzione dal pagamento del Canone Rai 2016. Sappiamo, infatti, che da quest’anno, e precisamente dal prossimo primo luglio, il Canone Rai sarà direttamente addebitato in bolletta elettrica, niente più, dunque, bollettino precompilato; costerà 100 euro, importo che sarà diviso in rate da dieci euro ma che per quest’anno parte con la prima rata da 60 o 70 euro, che sarebbe la somma di dieci euro per ogni mese fino a luglio; e dovrà essere pagato da tutti coloro che possiedono la tv.

L’unico caso per non pagare il Canone Rai è dichiarare, e autocertificare, di non essere in possesso di una tv, scaricando e compilando l’apposito modulo che è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate ma anche della Rai e Ministero dell’Economia e ritrasmettendolo direttamente online sempre al sito delle Entrate o tramite raccomandata a ‘Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. Sportello abbonamenti TV, Casella Postale 22, 10121, Torino’ entro lunedì 16 maggio. E’ importante tuttavia informarsi su tale scadenza che potrebbe essere ancora prorogata sia perché alcuni contribuenti continuano a chiedere chiarimenti alle Entrate sulle nuove modalità di pagamento del Canone Rai sia perché mancano ancora i nuovi modelli da compilare per la richiesta dell’esenzione e quello disponibile, comunque valido, è quello vecchio.

Insieme a coloro che non possiedono una tv, esistono altre categorie di persone che possono chiedere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai presentando l’autocertificazione e compilando, in base ai casi per cui si chiede l’esenzione, il Quadro A o B del modello. Possono, in particolare, chiedere l’esenzione dal pagamento i proprietari di seconda casa perché il Canone si paga una sola volta e per queste persone non si paga neanche sulle case date in comodato d’uso ai propri figli o in affitto. Tocca, infatti, agli inquilini pagare il Canone.

Possono non pagar,e presentando l’autocertificazione, componenti della stessa famiglia anagrafica cointestatari di più contratti di bollette della luce, sempre perchè il Canone si paga solo una volta per ogni famiglia anagrafica ma è necessario comunicare preventivamente su quale fattura elettrica addebitare il costo; anziani che hanno più di 75 anni e un reddito annuo che non superi 6.713 euro sommato a quello del proprio coniuge; eredi già titolari di un’utenza elettrica per cui pagheranno un Canone e che devono compilare il Quadro B del modello.
 
Non è necessario presentare domanda di esenzione  se due coniugi con un'abitazione hanno la doppia intestazione dell’utenza elettrica al marito e abbonamento tv alla moglie, sempre perchè il canone si paga una sola volta e sarà addebitato solo sulla bolletta della luce intestata al marito. Lo sportello SAT procederà alla voltura del canone tv in automatico. Non pagano il Canone, ma non hanno bisogno di presentare alcun modulo, i conviventi, esattamente come badanti e colf.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il