BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Mutui variabili Maggio 2016: tassi di interesse più bassi e convenienti, condizioni, spese. Confronto migliori e nuove offerte

Quale proposta di mutuo a tasso variabile scegliere per questo mese di maggio 2016: proposte e offerte con migliori condizioni




Passa il tempo, il mercato immobiliare continua a registrare risultati positivi e tutti coloro che si accingono all’acquisto di un immobile, magari una prima casa, si chiedono quale sia la migliore tipologia di mutuo da scegliere. Nonostante continui la convenienza del mutuo a tasso variabile, giustificata dai tassi al minimo e quindi da rate mensili davvero basse, in questi ultimi mesi sembra siano cresciute le domande di mutuo a tasso fisso e ciò dipende dal fatto che, pur prevedendo un pagamento di rate mensili più alte rispetto a quelle previste dal mutui a tasso variabile, il mutuo a tasso fisso permette di dormire sonni tranquilli perché vengono sempre mantenute le condizioni stabilite al momento della stipula del mutuo, indipendentemente dall’andamento del mercato e dalle sue oscillazioni. Ciò significa che qualsiasi cosa accada sul mercato, il mutuatario non dovrà preoccuparsi perché le condizioni del suo mutuo rimarranno sempre le stesse esattamente come la cifra di pagamento delle rate mensili.

Tuttavia, è difficile pensare che possano verificarsi andamenti tanto negativi nel breve periodo tali da far balzare i mutui a tasso variabile a livelli esagerati, motivo per il quale sono comunque in tanti coloro che continuano a preferire la convenienza del variabile, anche se con qualche possibile timore. Prima di procedere all’accensione di un mutuo è consigliabile informarsi sulle proposte disponibili, confrontarne le condizioni e scegliere quella di adeguata alle proprie esigenze. Le proposte di mutuo a tasso variabile sono diverse anche per questo mese di maggio 2016: tra le migliori spicca quella di

Pur prevedendo infatti il pagamento di una rata mensile più alta, stipulando un mutuo a tasso fisso il mutuatario sa che pagherà per sempre la stessa cifra nonostante le oscillazioni del mercato avendo, allo stesso tempo, la possibilità di programmare ogni altra spesa, con la certezza che per il suo mutuo spenderà sempre la stessa somma mensile. Tra le migliori offerte di mutuo a tasso variabile disponibile per questo mese di maggio 2016 resiste sempre Mutuo Domus Variabile di Intesa Sanpaolo che per i mutui stipulati entro la fine di questo mese propone un tasso variabile con spread a partire dall’1,15%, valido per mutui che non abbiano un importo superiore al 50% del valore dell’immobile e di durata massima di 10 anni.

A seguire troviamo le offerte Mutuo Valore Italia Super e Mutuo Valore Italia Top di Unicredit, entrambe a tasso variabile, e che prevedono garanzie per tutelare il mutuatario da eventuali cambiamenti del mercato. Il primo, che ha un tasso Euribor a 3 mesi, permette, inoltre, di scegliere la copertura, con Cap, vale a dire che per i primi dieci anni del mutuo il livello Euribor 3 mesi non può superare il 2%, cui bisognerà aggiungere lo spread stabilito da contratto. Il Mutuo Valore Top permette, invece di controllare il proprio mutuo con il tagliando, che sarà inviato ogni anno. Se per 24 mesi il mutuatario rispetta regolarmente il pagamento delle rate mensili potrà, volendo, attivare i seguenti servizi e cioè: Taglia rata nel caso in cui si decida di rimandare il pagamento della quota capitale, tutta o in parte, per un anno al massimo; Sposta rata, se invece si decide di posticipare la rata mensile fino a 3 volte, anche non consecutive, nel corso della vita del mutuo; e Riduci rata, per ridurre la rata del mutuo tramite l’allungamento del piano di ammortamento fino ad un massimo di 4 anni.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il