BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 due piani Governo Renzi intrecciati. I dettagli a breve

Cosa potrebbe accadere nei prossimi giorni per chiarire novità pensioni e quali ulteriori indicazioni sono attese: tanti i dubbi da chiarire




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:07): E le novità per le pensioni anche criticate appena presentate, ma che sono ancora in fase di studio e che potrebbero subire una revisione dalle ultime notizie e ultimissime ufficiali, vogliono, a sentire le autorità, essere di lunga durata, quindi ogni anno aggiornarsi con chi può beneficarne. Dunque, devono essere fatte bene e non con errori. Non solo.,Se si vuole inglobare quota 41 e/o usare una formula diversa simile a quota 100 servono fondi. E questi sarebbe ragionevole arrivassero da una sistemazione della situazione pregressa.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:22): Tra l'altro abbiamo parlato di tempistiche prima dell'iter del Fondo di Indigenza che si dovrebbe concludere tra due anni, proprio prima delle elezioni politiche. Questo stesso iter era previsto per il piano cosidetto principale delle novità per le pensioni da formalizzare, almeno secondo indiscrezioni delle ultime notizie e ultimissime, con una delega nella manovra. Ora, invece, sembrano velocizzarsi i tempi, parlando di fattibilità entro l'anno. Non c'è certezza su questo, ma se così dovesse essere, sarebbe meglio che anche il piano del Fondo Indigenza avesse più o meno gli stessi tempi per le risorse che potrebbe liberare. Altrimenti si rischia, come anche dalla ultime notizie e ultimissime si è fatto notare, un insieme di azioni limitate e limitanti per le novità per le pensioni. L'altra soluzione è portare, ovviamente, tutto a due anni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:51): L'obiettivo finale del Fondo Indigenza è quello di razionalizzare le agevolazioni e le conseguenti tipologie di pensioni collegate fino ad arrivare con una dote finanziaria in costante aumento anno su anno al cosidetto assegno universale una novità per le pensioni indiretta, ma molto importante. E poi c'è ovviamente importantissimo la separazione netta tra pensioni e assistenza, cosa che permetterebbe di avere bilanci più chiari. Tutte misure che permetterebbero di poter rilanciare le novità per le pensioni liberando importanti risorse. Certo, a patto che queste risorse vengano spese per questi obiettivi e non come alcune ultime notizie e ultimissime lasciano intendere anche per tappare buchi di bilancio e il debito che cresce.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): Da ricodare che nel Fondo Indigenza come novità per le pensioni vi sono come temi quello di cambiare alcune tipologie di pensioni anche in senso negativo e peggiorativo per ridare slancio, questo inizialmente almeno si diceva nelle ultime notizie e ultimissime, a quota 100, quota 41 o mini pensioni.
In questo senso vi dovrebbero essere sinteticamente:

- novità pensioni riguardanti cumulo
- novità pensioni riguardanti pensioni di guerra
- novità pensioni per quelle di invalidità
- novità pensioni con eventuali ricalcoli per quelle più alte.
- novità agevolazioni, detrazioni e sostegni anche legati alle pensioni completamente rivisti e riordinati

Al momento è stato poi stralciato ufficialmente il tema delle pensioni per le vedove e i figli superstiti dopo fortissime richieste. (e non è avvenuto subito con facilità, indicazione che la revisione in negativo è come si era già detto considerata necessaria)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:12) Nella giornata di ieri, diverse autorità ed esponenti che si stanno occupando di entrambi i piani per le novità per le pensioni hanno spiegato che vi sono delle inasatezze su quanto scritto finora, o, forse sarebbe meglio, dire da quanto riportato da diversi e anche importanti esponenti della maggioranza. Vi è stato come un passo indietro, seppur in parte mascherato, dicendo ancora che tutto il sistema correttivo sarà molto più complesso di quello spiegato e che anche il meccanismo potrebbe essere diverso perchè l'obiettivo è avere una pensione sostenibile e non tartassata da penalità e rate da restituire. Vedremo come sarà, sempre in attesa di questi due piani che dovrebbero, meglios empre usare il condizionale, essere presentati a breve.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:12): Il Piano del Governo Renzi su cui stanno lavorando come detto nelle ultime notizie e ultimissime i tecnici economici interno al Consiglio e quelli dell'Istituto di Previdenza insieme ad alcuni dei Dicasteri del Tesoro e dell'Occupazione dovrebbe una volta spiegato ufficialmente con tutti i dettagli mancanti inziare un iter di confronto istituzionali con le varie parti in causa sociali, oltre che la stessa opposizione interna, la coalizione e gli avversari proprio per l'importanza della norma per le novità per le pensioni che nell'idea non sarà una tantum ma dovrà essere definitiva aggiornata di anno in anno con i diversi beneficiari. Per quanto riguarda l'altro piano sul Fondo Indigenza che contiene anche una serie di novità per le pensioni con l'obiettivo finale molto importante della divisione fra agevolazioni e pensioni (che è detto si vada ad ottenere) l'iter è già inziato da un mese circa e anche una serie di confronti con diversi parti sociali come associazioni e non solo da parte del Gruppo alla Camera del Lavoro che se ne occupa insieme ai tecnici del Dicastero dell'Occupazione che lo hanno preso principalmente in carico da quando è stato deciso come collegato della precedente manovra. E potrà aver un iter lungo anche due anni come è già stato ufficializzato così come i temi che vedremo tra cui quelli più interessanti per noi sulle novità per le pensioni ma non solo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:12): Come abbiamo detto sotto sono attese a breve ulteriori novità per le pensioni ufficiali da parte del Governo Renzi che le aveva già indicate ufficialmente quando il principale Consigliere Economico del Governo aveva spiegato le basi della mini pensioni poi confermate successivamente. In sedi diverse aveva fatto lo stesso il Ministro dell'Occupazione per quanto riguarda il Fondo di Indigenza dicendo di attendersi un piano meglio definito a breve che sarebbe poi stato completato e anche per quanto il Fondo Indigenza sappiamo che al suo interno vi sono contenuti a livello di tematiche da affontare novità per le pensioni con le avrie tipologie che potrebbero essere rimodulate sia di pensioni stesse che agevolazioni. A quetso punto sinteticamente ci si può attendere

- Novità pensioni dal piano Governo Renzi
- Novità pensioni dal Fondo Indigenza che sta portando avanti particolarmente il Ministro dell'Occupazione e i Gruppi attinenti a Montecitorio.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:33): Ci sono crescenti aspettative per il duplice piano che il Governo Renzi dovrebbe presentare per le novità sulle pensioni in relazioni alle ultime notizie e ultimissime anche ufficiali che tra mercoledì e giovedì o al massimo tra dieci giorni dovrebbe essere illustrato da chi vi ha lavorato con tutti i dettagli e le spiegazioni mancanti che dovrebbero risolvere i diversi dubbi. 

Questa appena iniziata, così come anche la prossima, potrebbe rivelarsi una settimana importante per eventuali novità per le pensioni, perché potrebbero finalmente arrivare quelle attese spiegazioni di dettagli sul nuovo piano di uscita prima Ape annunciato solo qualche giorno fa dallo stesso premier, ma non solo. Secondo le ultime notizie infatti si potrebbe procedere sul doppio binario che sembra ormai caratterizzare questi ultime settimane di lavoro, vale a dire piano di lavoro sul Fondo Indigenza, che dovrebbe contenere novità per le pensioni; e presentazione di eventuali novità per le pensioni da parte del sottosegretario alla presidente del Consiglio, forse insieme ad altri tecnici che da tempo lavorano per la definizione di concrete novità per le pensioni. Quali però siano quelle che potremmo aspettarci sembra piuttosto difficile da dire, anche se gli orientamenti sembrano chiaramente propendere verso quella mini pensione di cui ha parlato la scorsa settimana proprio il sottosegretario, spiegandola nelle sue eventuali diverse versioni, ma cu sui sarebbero d’accordo anche i tecnici del Lavoro.  

La possibilità è che nel Fondo Indigenza siano contemplate soprattutto novità negative per le pensioni, vale a dire revisioni e tagli delle agevolazioni fiscali alle famiglie e di alcuni tipi di pensione di carattere assistenziale che rappresentano gran parte della nostra spesa previdenziale e che vengono, nella maggior parte de casi, erogate a ‘furbetti’. Attraverso questo piano di tagli si riuscirebbe  a mettere da parte ulteriori soldi che, come da progetto originario del premier, potrebbero poi essere impiegati in successive novità positive per le pensioni.

Si tratterebbe, dunque, di peggioramenti ma in vista di cambiamenti positivi per tutti, che potrebbero portare all’approvazione di piani di uscita prima come quota 100, quota 41 o uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalità, e tra i cui vantaggi ci sarebbe anche quello di ristabilire equità sociale. Il problema è che alle soglie delle elezioni comunali di giugno, ma considerando anche il prossimo referendum costituzionale di ottobre, agire con dei tagli, pur se in un’ottica di lungo periodo positiva, non rappresenterebbe una mossa strategica e vincente per l’esecutivo.

E poi ci sono quei chiarimenti attesi sul nuovo sistema annunciato dal premier di mini pensione Ape: bisogna, infatti, capire innanzitutto se gli istituti di credito sono propensi all'accordo con governo e Istituto di Previdenza per l'erogazione della mini pensione per anticipare l'uscita dal lavoro per i nati tra il 1951 e il 1953; di quali entità saranno le penalizzazioni sull'assegno finale e se saranno calcolate esclusivamente sulla parte retributiva dell'intera pensione o su tutta la somma; e se il nuovo sistema potrà vale anche per chi svolge lavori faticosi ma non rientra nella categoria indicata dal premier e se varrà anche per chi è entrato sin da giovanissimo nel mondo del lavoro.

Altro chiarimento atteso riguarda in realtà le percentuali di penalizzazioni da applicare: secondo quanto spiegato dal premier, le penalità oscillerebbero dal 4 al 12% in base all'anno di anticipo rispetto alla soglia dei 66 anni in cui un lavoratore decide di lasciare prima il lavoro fino ai 63 anni. Ma è stato anche detto che tali decurtazioni sarebbero più elevate nel caso di redditi più alti e meno elevate nel caso di redditi più bassi. Ma in quale misura ne saranno calcolati aumenti o diminuzioni? E se queste oscillazioni ci fossero davvero, allora si potrebbe dire che le percentuali non dette non siano proprio così ma potrebbero essere variabili, riservando anche qualche particolare sorpresa, che non dovrebbe essere certo positiva per chi percepisce grandi redditi. Resta, infine, da capire se saranno applicati o meno, e se sì in quale misura, tassi di interesse sulla somma anticipata al lavoratore per anticipare l’uscita dalla pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il