BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni Ape, quota 100, quota 41, ricongiunzioni oggi Calenda Ministro e domani mercoledý incontri

Gli appuntamenti e gli incontri in programma tra oggi 10 maggio e domani 11 che potrebbero avare conseguenze su novitÓ per le pensioni: cosa aspettarsi




La settimana appena iniziata, come abbiamo già detto, potrebbe preannunciarsi interessante per quanto riguarda eventuali novità per le pensioni: se oggi, martedì 10 maggio, non è previsto alcun incontro ufficiale e in Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio non si parlerà di questione previdenziale, l'appuntamento del giorno è certamente la nomina, da parte del presidente della Repubblica Mattarella, di Carlo Calenda nuovo ministro dello Sviluppo Economico, una nomina importante perchè, come spesso spiegato, la guida di questo Dicastero potrebbe avere non poche influenze sulla realizzazione di eventuali novità per le pensioni, soprattutto per il fatto che nominato finalmente Calenda potrà ripartire l'iter di discussione del Ddl Concorrenze che dovrebbe prevedere proprio novità per le pensioni.

Fino all'annuncio della nomina di Calenda alla guida del Dicastero dello Sviluppo Economico, i nomi circolati come successori della Guidi erano stati diversi, da Teresa Bellanova, ex sindacalista, a Calduio De Vincenti, a Epifani e Barca, tutte personalità che se fossero state nominate avrebbero certamente avuto impatto anche sulle pensioni, cosa incerta da parte di Calenda che non è mai direttamente intervenuto sulla questione, per cui non si conosce la sua posizione in merito, ma visto il suo ruolo in Europa, potrebbe essere la personalità giusta per fare convincerla del fatto che agire con novità per le pensioni nel nostro Paese potrebbe essere decisamente vantaggioso e conveniente, sia da un punto di vista occupazionale, spingendo il lavoro giovanile e la produttività, sia da un punto di vista di risparmi.

Domani, invece, mercoledì 11 maggio, in Comitato ristretto si tornerà a parlare di Fondo Indigenza con quelle misure di revisione delle agevolazioni che dovrebbero prevedere anche tagli a determinate forme di pensioni, favorendo aiuti a chi si è ritrovato in forti difficoltà economiche. Si tratta di novità che però sono decisamente in bilico perché se da una parte i sostegni sociali sono necessari, dall’altra i tagli non sarebbero ben accettati dai cittadini che alle soglie delle elezioni comunali di giugno potrebbero contribuire a far cadere ancor di più i consensi dell’esecutivo. Non sarebbe, dunque, una mossa strategica in vista di una riconquista di voti e fiducia degli italiani.

Sempre domani 11 maggio è in programma l’incontro con il Commissario di Bruxelles per la giustizia e la parità di genere, Vera Jourovà, durante il quale saranno certamente affrontati, tra gli altri, i temi delle pensioni e delle differenze di trattamenti di genere nei Paesi europei, e il nuovo piano di uscita prima presentato dal premier solo la scorsa settimana ma che sembra no aver riscosso particolare successo, anzi. Sembra abbia sollevato parecchi dubbi e perplessità che attendono, infatti, di essere chiariti. E, forse, proprio per questo, domani a sorpresa potrebbe esserci un altro appuntamento social con #matteorisponde, anche se non è ancora ufficiale come notizia, mentre di certo c’è che ulteriori chiarimenti su meccanismo di nuovo Ape con mini pensione dovrebbero arrivare verso la metà di questa settimana o al massimo l’inizio della prossima, quando saranno illustrati i due piani di lavoro della maggioranza, vale a dire  Fondo Indigenza e novità per le pensioni spiegate dal sottosegretario alla presidente del Consiglio e da diversi tecnici probabilmente. Le domande che ci si pongono sono quale sarà il futuro di piani come quota 100, quota 41, mini pensione, se saranno mai realmente approvati, quando e per chi e poi quando sarà chiusa la questione sulle ricongiunzioni onerose.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il