BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti zero spese Maggio 2016 migliori e più convenienti per tassi, spese e condizioni a confronto

Le migliori proposte di conti corrente zero spese di questo mese e quale scegliere: condizioni proposte e tassi offerti




Sono sempre di più le proposte di conti correnti a zero spese disponibili sul mercato, prodotti bancari sicuri, cui sono applicati gli stessi controlli e le stesse garanzie applicati ai conti correnti tradizionali che prevedono spese. Il conto corrente a zero spese altro non è altro che un conto bancario senza spese fisse, di bollo e di canone, e variabili. Prima di scegliere il migliore conto a zero spese è meglio sfogliare le diverse offerte, valutare condizioni ed esigenze e quindi aprire il conto prescelto. I conti a zero spese oltre a non  prevedere il pagamento delle principali operazioni propongono anche tassi di interesse interessanti e offrono, nella maggior parte dei casi, l’operatività online, che permette di gestire direttamente online e comodamente da casa il proprio conto grazie all’home banking e il mobile banking.

Tra le migliori proposte di conti correnti zero spese di questo mese di maggio 2016 spicca quella del Conto Bancadinamica di BancaDinamica, conto corrente zero spese con un tasso d’interesse dell’1% lordo annuo a regime, non prevede imposta di bollo e permette di effettuare prelievi bancomat gratis in tutta Europa;  seguire troviamo Conto Webank di Bpm, che non  prevede alcuna spesa, offrendo la possibilità di operatività sia online che in filiale, e garantisce un interesse a regime dello 0,10% lordo. E’ previsto il pagamento dell’imposta di bollo di 34,20 euro l’anno che non è dovuta se il valore medio di giacenza annuo non supera 5.000 euro.

C’è poi l’offerta del conto DB Online Plus di Deutsche Bank che non prevede il pagamento dell’imposta di bollo quando la giacenza non supera i 5.000 euro, non prevede il pagamento del canone annuo, e sono a zero spese anche operazioni come prelievi, pagamento e bonifici. Banca Popolare di Milano propone ancora Conto Webank.it, a zero spese, operativo anche in filiale, con i tassi dello 0,15% lordo annuo, e non prevede spese di canone e bancomat ma prevede il pagamento dell’imposta di bollo di 34,20 euro l’anno che però non è dovuta se il valore medio di giacenza annuo non supera 5.000 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il