BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, mini pension, quota 41 e convocazione Congresso per segretario Roberto Speranza, Rossi,Cuperlo

Le posizioni su eventuali novitÓ per le pensioni di Rossi, Cuperlo e Speranza candidati a nuovi segretari del Pd: situazione e prospettive




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:27): Tra l'altro le posizioni di Rossi sono quelle più vicine a tanti amministratori locali, anche appartantenti all'attuale dirigenza, che, però, lavorando in ambito locale come ad esempio la Serracchiani che nelle loro realtà hanno già iniziato a sperimentare l'assegno universale o altri metodi collegati alle novità per le pensioni. Basti pensare anche ad Emiliano in Puglia, Chiamparino e Fassino a Torino e in Piemonte solo per citarne alcuni. E proprio Rossi avrebbe il sostegno di questi, se non tutti, di una buona parte e sarebbe il favorito, il rivale numero uno per la segreteria come riportano le ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:07): Una svolta, dunque, molto importante quella del nuovo Congresso con diversi nomi si segretari che hanno sempre parlato di novità per le pensioni, ma anche come abbiamo visto nelle ultime notizie e ultimissime agito. Iniziamo a vedere in modo sintetico cosa hanno fatto e cosa pensano sulle novità e quota 100, mini pensioni, quota 41:

- Pensioni novità da Rossi, ovvero il Governatore della Toscana attuale che è favorevole a quota 100 con penalità e quota 41, ma anche al ricalcolo degli assegni più alti e all'incremento delle pensioni più basse. Ha idee molto simile al presidente dell'Istituto di previdenza con il quale vuole occuparsi di tutta la questione. E ha agito nella sua regione velocizzazione il recupero dl blocco delle perequazioni e con meccanismi simili all'assegno universale

- Pensioni novità da Cuperlo, è stato il primo a cercare di ottenere nella scorsa manovra una delega all'interno dove la maggioranza si impegnasse a trovare delle risposte per uscire prima. Contrario ai metodi attuali, preferirebbe quota 100 e quota 41 ed è favorevole all'aumento delle più basse. Orientato anche a lui ad un ricalcolo delle pensioni più alte

- Pensioni novità da Robero Speranza, non solo è favorevole a quota 100 e quota 41, ma anche all'assegnon universale tra cui è stato uno dei depositari di una norma che lo prevede.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:07): L'apertura verso un nuovo Congresso prima dei tempi stabiliti era stata già nel precedente Direttorio, come riportato dalle ultime notizie e ultimissime, una delle richieste più importanti, se non la più importante dell'opposizione interna ma che non era stata accettata. Ora, invece, viene presa non solo in considerazione, ma anche ufficializzata per ricompattare la maggioranza. Ed è una scelta molto importante per le novità per le pensioni, in quanto tutti coloro che sono pronti a cercare di diventare segretari paiono avere idee molto ben chiare tra quota 100, mini pensioni e quota 41 come vedremo e in gran parte differenti dall'attuale dirigenza.

Dopo le elezioni comunali del prossimo giugno, il prossimo appuntamento è il referendum di ottobre sulla riforma costituzionale e in vista di questi appuntamenti l'esecutivo deve necessariamente far qualcosa per cercare di recuperare consensi che, come confermano le ultime notizie, continuano a calare, soprattutto all'indomani degli ultimi scandali che hanno travolto il partito della maggioranza. Da qui probabilmente la decisione di anticipare il Congresso del Pd al prossimo autunno per ricompattare l'esecutivo, tra maggioranza e opposizione interna. La necessità è quella di ricompattare tutti per proseguire sulla strada di un rinnovamento del Paese. Il Congresso potrebbe portare numerose e importanti benefici per le novità per le pensioni, tema particolarmente sentito dai cittadini e che potrebbe essere fondamentale per recuperare consensi.

Tra i candidati alla segreteria del Pd, l’attuale governatore della Regione Toscana Rossi, le cui idee per cambiare le pensioni sono chiare ormai già da tempo, così come chiaro è il suo appoggio al piano pensioni presentato dall’Istituto di Previdenza. Per Rossi, reali novità per le pensioni dovrebbero partire dalla revisione e dal ricalcolo delle pensioni più elevate che servirebbero per recuperare ulteriori soldi da impiegare poi per altre modifiche pensionistiche. E lo stesso Rossi, in riferimento alla questione dei rimborsi pensionistici, nell’attesa che lo stesso esecutivo ne definisca finalmente dettagli per tutti, nella sua regione sta portando avanti il piano di rimborso totale ai pensionati.

Dopo aver spinto lo scorso anno per l’approvazione di una legge delega da inserire nella scorsa Manovra per impegnare l’esecutivo a mettere a punto novità per le pensioni, appoggia da sempre piani di quota 100 e quota 41, sostenendo la necessità di cambiare i requisiti di uscita di lavoro per tutti, con particolare riferimento a coloro che sono entrati prestissimo nel mondo del lavoro e che sono stati fortemente penalizzati dall’entrata in vigore delle norme attuali. Negli ultimi tempi, Cuperlo ha è tornato a criticare l’esecutivo per non aver fatto nulla ancora per i pensionati e spera che l’aumento annunciato dal premier a chi percepisce gli assegni più bassi.

Cuperlo aveva già attaccato il premier in occasione dell’ultimo Direttorio del Pd proprio a causa dell’annuncio dell’aumento per le pensioni più basse, perché comporterebbe un impiego di risorse tale da non lasciare ulteriori margini di intervento per l’attuazione di altre novità per le pensioni che però sarebbero più importanti, come quota 100 e quota 41. Anche Roberto Speranza si prepara a candidarsi alla segreteria del Pd, pronto anch’egli a rivedere l’attuale legge pensioni, critico spesso in maniera forte nei confronti di quanto fatto dall’esecutivo, ma soprattutto non fatto.

La nuova proposta di cambiamento dell'attuale legge pensioni targata Pd potrebbe partire dall'introduzione dell'assegno universale per tutti, passare dalla quota 41, vantaggiosa soprattutto per chi è stato penalizzato dall'attuale legge e che ha iniziato a lavorare sin da giovanissimo: si riassume essenzialmente in questi passaggi ciò su cui Speranza punta per novità per le pensioni, lasciando da parte al momento la quota 100 che, secondo alcuni tecnici, costerebbe troppo. Speranza punta sul fatto che l'assegno universale sia diventato quasi un dovere da istituire nel nostro Paese, considerando che, come in tanti hanno già detto, si tratta di una misura già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi d'Europa.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il