BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41, agevolazioni Presidente Mattarella lancia apertura molto importante

Le nuove aperture de presidente Mattarella su questioni pensioni e lavoro potrebbe avere importanti conseguenze su novità per le pensioni: situazione e prospettive




Il presidente della Repubblica Mattarella apre, forse per la prima volta in maniera così diretta ed esplicita, a novità per le pensioni. La sua apertura, come riportano le ultime notizie, potrebbe essere particolarmente importante per nuovi provvedimenti legati tanto alle pensioni quanto al lavoro e al welfare. In occasione dalla Giornata della Previdenza che si sta tenendo a Napoli, e sarà fino al 12 maggio, Mattarella ha inviato una lettera in cui ha chiaramente spiegato come le pensioni non debbano essere sottoposte a continui cambiamenti che destabilizzano tanto i pensionandi quanto i giovani che si apprestano a definire un futuro pensionistico che, così facendo diventerebbe incerto. E' necessario, pertanto, secondo il presidente della Repubblica cercare di creare una combinazione di domanda e offerta di lavoro per venire incontro ai giovani di oggi.

La continua variabilità delle prestazioni previdenziali non porterebbe dunque ad assicurare un futuro dignitoso ai giovani, senza considerare che si continuerebbe sulla strada di diseguaglianze. E’ in virtù di questo che si dovrebbe pensare a lavorare su sistemi di cambiamento pensionistici capaci di garantire a tutti non soltanto la possibilità di andare in pensione prima rispetto agli attuali requisiti fissati di uscita a 66 anni, considerando che ad oggi godono di tale beneficio solo determinate categorie di lavoratori, come le donne, gli invalidi, i lavoratori del comparto difesa o dello spettacolo, ma anche un adeguato trattamento economico finale.

Dopo una vita intera trascorsa a lavorare, infatti, ogni lavoratore dovrebbe poter essersi assicurato una vita pensionistica dignitosa, cosa che, però, in Italia oggi non accade. Secondo quanto riportano le ultime notizie, infatti, milioni di pensionati italiani percepiscono meno di mille euro al mese e alcuni addirittura 500 euro, il che chiaramente indica una situazione di disagio. E’ bene tuttavia che l’apertura del presidente Mattarella venga ben considerata e perché questo accada e si possano davvero realizzare concrete novità per le pensioni, è necessario innanzitutto che le diverse forze politiche lavorino per mettere a punto una soluzione universale e condivisa, considerando la divergenza di posizioni sui diversi sistemi proposti.

Tra quota 100, quota 41, mini pensione, nuovo sistema basato sulla mini pensione, infatti, il dibattito previdenziale è ancora decisamente aperto e in esso si inseriscono anche le discussioni su introduzione dell’assegno universale e tagli alle agevolazioni fiscali, questi ultimi importanti per mettere da parte nuove risorse economiche che potrebbero poi essere impiegate per realizzare novità per le pensioni positive per tutti. Ma la strada in tal senso sembra ancora piuttosto lunga e tortuosa da percorrere e servirà ancora molto tempo prima di capire se e quando eventuali novità per le pensioni potranno effettivamente essere messe in atto.

Molto in tal senso giocherà la conclusione delle trattative con Bruxelles per la concessione del’extra deficit che significherebbe ulteriori soldi da investire per nuovi interventi da inserire nella prossima Manovra 2017, tra cui potrebbero rientrare le stesse pensioni. E’ necessario, tuttavia, che l’esecutivo si giochi magari la carta di novità per le pensioni a breve, in vista cioè delle prossime comunali di giugno o del referendum costituzionale di ottobre, tema che certamente contribuirebbe a d attirare nuovi consensi. Se, però, per il termine delle elezioni il tempo sembra ancora troppo poco per dimostrare che qualcosa si potrà effettivamente fare per le pensioni, soprattutto dopo le tante polemiche e critiche nate all’indomani della presentazione del nuovo piano basato sulla mini pensione per i nati tra il 1951 e il 1953, probabilmente per il referendum d’autunno qualcosa potrebbe muoversi.   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il