BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 la crescita del Pil è fondamentale e necessaria

Cosa fare per far tornare il Pil a crescere e necessità di una sua ripresa anche per l’attuazione di novità per le pensioni




Si dice ormai da tempo che la crescita del Pil in Italia sia fondamentale e necessaria per l’approvazione di novità per le pensioni: i tecnici dell’Economia hanno, infatti, sempre spiegato che piani come quota 100, quota 41, mini pensioni sarebbero più semplici da approvare se la crescita economica fosse costante e continua. Condizione che, come confermano anche le ultime notizie, non si sta certo verificando. Eppure l’attenzione è particolarmente puntata proprio sull’andamento del Pil: se il Pil non tornasse a salire, infatti, oltre che non avere la possibilità di approvare novità per le pensioni, si correrebbe il rischio di veder calare il valore delle pensioni. Senza crescita del Pil, le pensioni rischiano di diminuire fino al 20%.

Il Pil inoltre deve tornare a salire perchè Bruxelles possa concederci l'extra deficit: molto infatti dipende dagli obiettivi di crescita che il nostro Paese riuscirà ancora a garantire. Seppur, infatti, finora una crescita c'è stata, è stata giudicata piuttosto lenta dalla stessa comunità e non abbastanza soddisfacente da aprire certamente le porte alla concessione dell'extra deficit. E', dunque, necessario continuare a dimostrare impegno nella riduzione del debito e nella crescita del Pil. Se, infatti, il Pil crescerà, secondo il ministro dell'Economia, si potrà ridurre l'incidenza del debito italiano e avere da Bruxelles ulteriori margini di manovra.

E’ dunque ben chiaro come la crescita del Pil sia fondamentale per ogni genere di piano da realizzare, non solo interno, con eventuale approvazione di novità per le pensioni ma anche riduzione delle tasse a carico dei cittadini, ma anche esterno, per la concessione di ulteriore fiducia da parte della comunità. La domanda che ci si pone è però come fare per sostenere la crescita di questo Pil ed effettivamente la risposta è piuttosto confusa: per alzare e aumentare il Pil si potrebbe seguire il modello di economia circolare spiegato sull’Harvard Business Review e che segue il principio del fare di più con ciò di cui si dispone. Il modello di economia circolare pone l’attenzione sulla sostenibilità del sistema, in cui non ci sono prodotti di scarto e dove le risorse vengono costantemente riutilizzate, producendo un risparmio in termini di costi di produzione e portando il reddito disponibile delle famiglie europee ad aumentare, il che avrebbe come conseguenza diretta nuova spinta ai consumi e, quindi, all’economia in generale, con conseguente ulteriore ripresa del Pil.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il