Il business dei farmaci contraffatti supera quello della droga

Oggi il business di farmaci contraffatti in molti Paesi ha superato quello della droga



Oggi il business di farmaci contraffatti in molti Paesi ha superato quello della droga. Viagra, antinfiammatori e altri medicinali 'tarocchi' sono diventati più appetibili - per i fuorilegge dediti a questo tipo di commercio - della vendita di cocaina, oppioidi, eroina e anfetamine. E' l'allarme lanciato da Comitato internazionale per il controllo dei narcotici delle Nazioni Unite (Incb). 

Negli Usa, ad esempio, il traffico e l'abuso di farmaci contraffatti sono secondi solo a quelli della cannabis. Internet - riconosce il comitato - costituisce il canale perfetto affinchèquesto tipo di commercio senza dubbio estremamente remunerativo, proliferi, con conseguenze sulla salute spesso devastanti. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, in Africa, Asia e America Latina oltre il 30% dei farmaci e' contraffatto. Mentre in molti Paesi ricchi la presenza di medicinali di questo tipo e' stimata attorno all'1%.

Tuttavia, il numero crescente di medicinali falsificati contro colesterolo, schizofrenia e cancro fa temere che la criminalita' stia spingendo questo tipo di attivita' illecite in questi Paesi. L'Incb chiede ai Governi di fare di piu' affinche' la legislazione venga rispettata.

Preoccupazione che emerge anche dal rapporto sulla contraffazione realizzato dal Centro studi Temi della Confesercenti che sottolinea come il problema dei farmaci contraffatti, dal Viagra  che conduce la lista dei farmaci più contraffatti nei paesi avanzati agli antiretrovirali contro l’Hiv diffusi in quelli in via di sviluppo insieme agli antibiotici, gli antipertensivi, i corpi costeroidi, i sedativi e persino gli antitumorali, è un dramma che riguarda i paesi poveri del mondo, ma le migliaia di medicinali contraffatti sequestrati dalle autorità doganali europee, ci dice che il fenomeno batte alle porte dell’Europa.

Per quanto riguarda il nostro Paese, infatti, desta preoccupazione l’incremento degli acquisti online, secondo cui ogni cittadino riceve via email mediamente tre proposte di acquisto allasettimana che hanno per oggetto prevalentemente farmaci funzionali al miglioramentodelle prestazioni fisiche e mentali. Importante, segnala lo studio Confesercenti, anche la presenza di prodotti anabolizzanti contraffatti circolanti in Italia.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il